La Tomba – I chiodi della crocifissione


Torniamo a parlare del sito sulla tomba di Talpiot, è un po’ che non lo facevo perché stavo lavorando alla traduzione dell’articolo che segue che, come vedrete è piuttosto corposo. Iniziamo ora ad analizzare un’altra sezione del sito quella che si intitola “the tomb”, “la tomba” e che inizia con questo articolo sui chiodi della crocifissione. Come sempre, alla fine, aggiungerò qualche mia riflessione.

The Nails of the Cross:

A Response to the Criticisms of the Film

Part One of Six

The Argument

By: Director/Producer Simcha Jacobovici

As many people know, my colleagues and I recently made world headlines by claiming that we mayhave identified two of the nails used in Jesus’ crucifixion. My documentary film “Nails of the Cross” and coverage of it, generated by a press conference in Jerusalem (April 12, 2011), caused a firestorm of media and especially internet criticism, some of it vicious.

Although I have never responded to ad hominem criticisms, I’ve decided to make an exception this time. My decision is based on two factors: first, most people are confused about the facts of the case. Second, as far as I’m concerned, the tone of the debate has slipped into the pseudo-science of anti-Jewish caricature of 1930’s Germany, and I feel it is my duty as a Jew, a journalist and a human being to stand up and expose the culprits.

I will divide my comments into matters of substance and matters of style. First, let’s look at the substance.

The essence of the thesis presented in my film is as follows:

1. In1990, a tomb was found in east Jerusalem that most – but not all – scholars agree is the burial cave of the High Priest Caiaphas who, according to the Gospels, was implicated (around 30/31 C.E.) in the arrest and crucifixion of Jesus of Nazareth.

2. In the tomb, archaeologists identified 12 ossuaries, or bone boxes, some pottery, a glass perfume bottle, a coin in one of the skulls and two Roman nails.

3. According to the Mishna (Mishna Shabbat 6.10; see also J. Talmud Shabbat 6:9, 7c-d, B. Talmud Shabbat, 67a), people were using nails that had been involved in crucifixion as amulets and for the purpose of magical healings.

4. Since Caiaphas is known to history for one thing and one thing only i.e., his involvement in the crucifixion of Jesus, and since crucifixion nails were regarded as amulets, it seems reasonable to connect the nails found in the Caiaphas tomb with two of the nails used to crucify Jesus.

I think the above, at least as a starting hypothesis, is pretty straightforward. Based on this thesis, I asked the Israel Antiquities Authority (IAA) for access to the “Caiaphas nails.” They informed me that the nails had gone missing. They had not been photographed, measured, drawn or properly documented. Also, to this day, the IAA has no knowledge as to their whereabouts.

As shown in my film, I believe that I have located them.

My thesis, however, is not affected by my claim to have rediscovered the nails in an anthropology laboratory at TelAvivUniversity. So let’s return to the thesis and the criticisms leveled against it:

1. To my first point i.e., that the tomb in question belonged to the High Priest Caiaphas, there are objections, but there is no real controversy. It’s true that some people say that the tomb may not have been associated with the notorious High Priest. Of course, no one can say with absolute certainty that it is his tomb. There is rarely, if ever, absolute certainty in archaeology. Nonetheless, there is general agreement amongst the experts that the tomb in question did belong to the High Priest mentioned in the Gospels.

For example, IsraelMuseum curator David Mevorach says on camera that he believes that the “Caiaphas” who was buried in the tomb, and whose ossuary is marked with the inscription “Joseph son of Caiaphas” (Yoseph bar Caiapha in Hebrew) is the High Priest of Christian Bible infamy. Mevorach gives several reasons. First, out of some 3,000 ossuaries thus far excavated in Israel, the name “Caiaphas” appears only in this tomb. In other words, it is a very, very rare name. Second, there was a very elaborate ossuary found in the tomb. That ossuary is now on display at the IsraelMuseum where it is presented as Caiaphas’ ossuary. It is very ornate, and this is befitting a High Priest. Third, a coin found in the tomb is dated to 42/43 C.E., the reign of Herod Agrippa I, so the tomb is right for both date and location.

The recently published Corpus Inscriptionum Iudaeae/Palaestinae by Hannah Cotton et. al. (De Gruyter, 2010) sums up the discussion this way: “… the present ossuary and the entire tomb could be associated with Joseph Caiaphas, the High Priest 18-36 C.E. known from Josephus and the New Testament” (p. 483, italics in the original).

The words “the entire tomb” are very significant and I will refer to them later. For now, suffice it to say, that some of the people who are most critical of me with respect to my thesis on the nails are the verysame people who identified this tomb as the probable, or possible, tomb of the High Priest Caiaphas. For example, Greenhut, the lead archaeologist on this excavation, now publicly fudges the connection between the tomb and Caiaphas. But he had this to say in the official IAA Hebrew report published in 1991: “it is almost certainly the name of the family of the High Priest ‘Caiaphas,’ from whose home the arrested Jesus was transferred to Pontius Pilate” (Hadashot Archiologiot Tsadi/Zayin [97], IAA, 1991, p. 72, emphasis added, my translation). Even Mr. Joe Zias, the former anthropologist at the IAA, and my most intemperate critic, in 1992 stated that this cave “appears to be the tomb of the high priestly family Caiaphas” (‘Atiqot 21, 1992, p. 79).

But maybe Greenhut, Mevorach, Cotton et al. are wrong. Maybe the tomb has nothing to do with the High Priest mentioned in the Gospels. One of the arguments against the identification of this “Caiaphas clan” with the Caiaphas clan is that the priestly or “Sadducee” class, to which the High Priest Caiaphas belonged, did not believe in the afterlife. Consequently, the critics say, the Caiaphas family would not have used tombs that involved “secondary burial,” since this practice is associated with the afterlife (see Cotton et. al. p. 484). An unrelated argument is that it’s simply a mistake to associate names in tombs with well-known characters from history. These arguments do not stand up.

Specifically, the ossuary catalogued in Cotton et. al. as #534, which is presently in the HechtMuseum in Haifa undermines both of the above objections: First, it clearly belongs to a granddaughter of a High Priest as attested by the Hebrew inscription on the box. This demonstrates that at least some priestly families did believe in the afterlife. Second, the High Priest is a man called “Theophilos.” This individual is acknowledged to be the brother-in-law of Caiaphas, whom he replaced in the office of the High Priesthood (see D. Barag and D. Flusser in Israel Exploration Journal 36, 1986, pp. 39-44 and Cottonet. al. pp. 550-51). (Could he also be the man to whom Luke dedicates his Gospel (1:3)? We should be open to the possibility that the early Jesus movement had friends in high places.) My point; if the High Priest Theophilos has been positively identified, why not his brother-in-law Caiaphas?

Other objectors point to the relative plainness of the cave and the poor quality of the inscriptions. But if we look at the ossuary of Shimon Boton (#76 in Cotton et. al.), we see a plain ossuary found in a plain tomb with a graffiti like inscription that, nonetheless, has been identified with the high priestly family mentioned by Josephus (Antiquities 19.297).

Put simply, there are no serious objections to the identification of the Caiaphas tomb with the High Priest of the Gospels, and a majority of scholars support it. In fact, for hundreds of thousands, if not millions, of visitors to the IsraelMuseum, the association between the tomb and the historical Caiaphas has been made by the museum itself.

2. With respect to my second point i.e., my report on the various artifacts found in the tomb; here, too, there is no controversy of any kind. The artifacts are a matter of public record and the report is not contested by anyone. Nor does anyone challenge the fact that the two Roman nails found in the tomb have been lost. In his latest press and internet attacks on me, Mr. Joe Zias not only confirms the disappearance of the nails but – remarkably – takes responsibility for the loss by stating that it was he – and no one else – who was in charge of them (See Zias, Joe,http://www.scribd.com/doc/53330573/Zias- Nails).

3. The third point in my thesis is that the nails in the tomb are important. And here is where the controversy seems to gather momentum. Before pursuing this, let’s clarify the facts so far; the idea that the tomb in question belongs to the historical Caiaphas is not mine, it’s how the Israel Museum labels the tomb. Also, the idea that Roman nails were found in the tomb is not mine; it’s part of the archaeological record. The idea, however, that these particular nails are important is indeed mine. And if I’m right, the archaeologists involved lost what might be some of the most important artifacts ever found in tombs of this period. You can see why my thesis might upset them.

In their defense, hiding behind an official statement by the IAA released at my press conference (see http://www.antiquities.org.il/article_Item_eng.asp?sec_id=25&subj_id=240&id=1825&module_id=#as0,  the archaeologists in question said that nails in Israeli archaeological digs are both “common” and “forgettable.” This statement has been seized upon by my critics and quoted with gusto. In fact, Robert R. Cargill, an ordained minister with a Ph.D., has made up a new rule for excavators that he ascribes to Israeli archaeologists: “…only those [nails] of significant size, shape, or those found in peculiar locations are considered significant” (A Critique of Simcha Jacobovici’s Secrets of Christianity: Nails of the Cross, May, 2011, Bibleinterp.com, p.3, emphasis added). For brevity, we’ll call this “Cargill’s Law” of archaeology. But let’s examine the IAA statement and Cargill’s Law and see if a single bona fide archaeologist agrees with them.

To begin with, there is not a single archaeologist, including the ones who excavated the Caiaphas tomb that would not say in an introductory lecture to a first year archaeology class: “In archaeology, every find is important. Not only the find but the precise location i.e., the context of the find.”

The above is such a truism that I feel funny stating it. Coins, for example, are much more “common” in Jerusalem tombs than nails. But does anyone suggest that when one finds a coin, it should not be meticulously recorded and preserved? Does anyone suggest that it would be alright to ignore small coins and lose them? In fact, in this very tomb, a “common” coin was found. Not only was it photographed and recorded but, as it turns out, it tells an amazing story. Besides helping to precisely date the tomb, the location of the find was extremely significant. It was discovered inside the skull of one of the females buried in the tomb. This is “common” in pagan burials, but practically unheard of in Jewish ones. Pagans used to put a coin under the tongue of the deceased so that the soul of the departed could pay Charon, the boatman in the Hadean underworld, the price necessary to ferry it across the river Styx, and into the pagan equivalent of paradise. The discovery of the coin in the Caiaphas tomb means that the people buried in this tomb were covering their afterlife bases by engaging in pagan practices. If this, indeed, is the tomb of the Jewish High Priest, then the presence of a coin in any skull in this tomb is significant. It suggests that this family was Hellenized to a degree never before imagined for a High Priest, and that it was extremely superstitious. More than this, it demonstrates that Roman appointed High Priests were heterodox – not orthodox – and, therefore, more likely to be followers of messianic claimants, especially if these messiah figures were also heterodox, which Jesus might have well been (See Peter Schaeffer, Jesus in the Talmud, Princeton University Press, 2007). This evidence fits very nicely with the Gospels where it is stated that at least two members of the Sanhedrin (the high court over which the High Priest Caiaphas presided), namely, Joseph called “of Arimathea” and Nicodemus, were secret followers of Jesus (see John 18:18 and Matthew 27-60). In any event, whatever implications we draw from the coin, it is clear that though coins are “common” they are not “forgettable.” No one lost the coin.

My critics like to quote Professor Gabriel Barkay when he disagrees with me, but they ignore his statements when he agrees with me. At the press conference on the “Caiaphas Nails,” Barkay said that that there are “no such things as ‘common’ artifacts when it comes to archaeology.” He said that the failure to properly document the nails and the subsequent loss of the artifacts was “bad archaeology.” I would venture to say that in his heart, Zvi Greenhut agrees with Professor Barkay.

My response to the IAA press release, therefore, is to state that even if the nails in question were “common” they could still prove to be significant and should have been properly recorded. For example, at the “burnt house” in the Old City of Jerusalem over 12.5 kilos of nails were found in a carpentry workshop. Nonetheless, they were all dutifully catalogued by Hilel Geva (See Hilel, Geva, Jewish Quarter Excavations in the Old City of Jerusalem, conducted by Nachman Avigad, 1969-1982, Volume IV: The Burnt House of Area B in Other Studies, Final Report, 2010, pp. 254-255). But, when it comes to burial caves, the fact is that nails in Jerusalem tombs are not common. Quite the opposite. They are rare. Furthermore, a nail inside an ossuary is almost without precedent. The IAA statement is simply wrong.

No one has to take my word on this point. Anyone can easily survey the evidence by consulting the Bible of Jewish Funerary practices in the Second Temple Period by Professor Rachel Hachlili (Jewish Funerary Customs, Practices and Rites in the Second Temple Period, Brill, 2005). Unlike Greenhut, Zias and others who might downplay the significance of such artifacts, Professor Hachlili does not disregard nails found in SecondTemple tombs. Quite the contrary, they figure prominently in the tables she provides in her chapter on “Grave Goods” (pp. 401-434).

A cursory look at the tables shows that the only place that a relatively large number of nails were found (100), was the western side of Mt.Scopus in tombs excavated by Amos Kloner (1980). However, here there were no ossuaries involved i.e., no secondary burial. Put differently, if we look at tombs on the western slope of Mt.Scopus where ossuaries were involved then, according to Hachlili’s tables, compared to 301 ossuaries, only 17 nails were found. Compare this to 111 lamps, and 152 unguentaria i.e., vessels such as bottles containing oils or spices used for anointing the body and/or the bones of the deceased.

On the east side of Mt.Scopus, compared to 109 ossuaries, only 2 nails were found! On the Mt. of Olives, 191 ossuaries were found and not a single nail! In fact, in hundreds of tombs containing 1,417 ossuaries, only 39 iron nails were found! Compare this to 600 unguentaria, 433 cups, 191 jugs, 236 glass objects and 114 coins.

Now, if we look at how many nails were found inside ossuaries; besides the one found in the Caiaphas tomb, there was only one. This single nail, found in the ossuary of a crucified male, was discovered in 1968 in Givat Hamivtar. When discovered, that nail was still embedded in the heel of a man. The crucified heel discovery is our only archaeological evidence of crucifixion found anywhere in the world. Can any reasonable person, therefore, please explain to me how Mr. Zias and his colleagues looked inside a Jerusalem ossuary and, upon seeing a Roman era nail in such a context for only the second time in history, concluded that this was a “common” and “forgettable” find – not worthy of documentation or preservation?

As it turns out, when it comes to the Caiaphas tomb, the nails there even meet the criterion set by the “Cargill Law” of archaeology, namely, they were “found in [a] peculiar” location.

In light of all this, we can readily see that the IAA’s “official statement,” as articulated by Dr. Gideon Avni in my film, is somewhat disingenuous. Of course, “nails in archaeological digs in Israel” are “common.” If you find an ancient building site, for example, you will find hundreds, if not thousands, of nails. If you find a boat, for another example, you will find hundreds of nails. But we are not talking about nails at building sites. We are talking about nails in Second Temple Jerusalem tombs. And, as Hachlili clearly records, nails in SecondTemple burial tombs are rare, and inside ossuaries they are virtually unheard of!

More than this, as Barkay makes clear; even if Avni was right, he’d be wrong. Meaning, if nails in tombs were common, that wouldn’t change the need to document them and preserve them. In a funerary context, even “common” items might take on a special significance. As Professor Hachlili puts it: “…items of everyday use were placed in the tombs, but in the burial context they might have assumed a funerary significance” (p. 376).

Which brings me to my main point. Namely, nails found in any SecondTemple, Jerusalem, Jewish funerary context may be related to crucifixion, while nails found inside ossuaries were most probably used for that purpose.

Shockingly, based on their various statements to the press, press releases and internet blogs, Greenhut, who excavated the Caiaphas tomb, and Zias who now takes responsibility for the nails going missing, seem blissfully unaware of the possible connection between nails found as grave goods and crucifixion. They seem to believe that this is an invented connection made up by me for the purpose of garnering headlines.

The fact is that in both pagan and Jewish traditions, iron nails in general, and crucifixion nails in particular, seem to be endowed with magical, amuletic properties. This is not my idea. This is a documented fact. For example, in the Rabbinic literature (Mishna Shabbat 6.10, J. Talmud Shabbat 6:9, 7c-d, B. Talmud Shabbat, 67a) there is a discussion pertaining to the magical use of crucifixion nails for the purpose of healing. There, the sages say that the nails should not be used to heal people because the practice is associated with idolatry. As late as the 11th century, however, the Jewish philosopher, Maimonides, on his commentary on this tract, argues that they can be used and even carried on a Sabbath, in violation of the prohibition of carrying in a public place, if – and only if – the goal is to heal, and the activity is not associated with idolatry. In other words, in the Jewish tradition, crucifixion nails – nails that had been used to crucify someone – seem to have been associated with both healing and magic.

Unlike Zias and co, Hachlili is well aware of the importance of nails in funerary contexts. In her book, she even has a section called “iron nails.” There she notes that “iron nails….were found inside and outside several tombs in Jerusalem and Jericho, and seem to have been placed there on purpose” (p. 511, emphasis added). But what purpose?

Hachlili offers several options: First, she says, nails may have been used to incise inscriptions. Despite the fact that the Talmud, which is very concerned about these issues, makes no mention of such a practice, this is of course theoretically possible. But with respect to the Caiaphas tomb, it seems highly unlikely that, (as Reich suggested), a nail used for inscribing a name on an ossuary would have been tossed into the ossuary after the inscribing was over. Psychologically speaking, this seems improbable – can one really imagine that a son would toss his engraving tool into the coffin of his father? Besides, this kind of behaviour would have defeated the whole purpose of secondary burial. Let’s not forget, the entire phenomenon of ossuary use involved a process whereby the dead were being purified. According to the Mishnaic view, the “impurity” of the flesh is greater than the “impurity” of the bones, because flesh decays and gets filled by insects and worms in a way that bones do not (Mishna Masechet eduyot 6:3). Secondary burial, therefore, elevated bones from a level of “greater tuma [impurity]” to a level of “lesser tuma.” The idea was to let the flesh decompose and then rebury the “elevated” white bones in an ossuary of their own.

Since iron nails that had been used as tools had already come into contact with death, they were rendered ritually “impure.” It’s highly unlikely and even contradictory, therefore, that a nail would have been thrown into an ossuary or even made its way there by “mistake,” as Barkay has suggested. To do so would have mixed the “tuma” or “impurity” of the nail with the elevated bones of the deceased. It would have defeated the whole purpose of ossuary use.

According to Hachlili, the second reason that nails may have ended up in a tomb involves the whole issue of ritual impurity. If nails had become “impure” i.e., had come into contact with a dead person, they had to be buried. This is possible. But in Jewish tradition this possibility is mitigated by the fact that not every kind of nail that comes into contact with death becomes impure.

In the Mishna (Masechet Kelim 11:3;12:4,5), there is a discussion with respect to the types of nails that can become impure. Professors Dan Levene and Beno Rothenberg summarize the discussion in this way: “…there are many different types of nails (MSMRYM) mentioned [in the Mishna]. In many cases [these nails] only function as a constituent part of a whole object, and are therefore deemed insusceptible to impurity. There are, however, cases where objects termed as nails might be considered proper tools [and, therefore, susceptible]” (A Metallurgical Gemara: Metals in the Jewish Sources, AMS, 2007, p. 161).

According to the Mishna, therefore, a door nail in a room where someone died would not end up in a tomb, whereas a nail once used as an engraving tool would not be taken out of a tomb. Put differently, the rules of impurity in rabbinic sources state that any nail that forms part of something e.g., a door, a box, a hook for clothes, if it came into contact with death did not have to be buried. While any nail used as a tool, once it became impure, had to be buried. (The Dead Sea Scrolls community, as with many things, was more stringent on this matter. But Jerusalem is not Qumran. See Damascus Document (CD) 12:17-18 for more stringent regulations.)

What all this means is that it is highly unlikely that nails found in Jerusalem tombs are there because they acquired impurity prior to the burial. If they are found in a tomb, they are there because they were used for inscribing something or, most probably, because of their function as amulets. Put simply, if you find nails in tombs they’re not there because they were used as clothes hooks, or to secure horse shoes. They’re probably there because they were regarded as possessing magical or amuletic properties. And, in Jewish tradition, the only nails that were so regarded were crucifixion nails.

Let’s now consider the larger context of the Caiaphas tomb.

Clearly, at least some of the people buried in this tomb engaged in pagan magical practices i.e., the woman buried with a coin under her tongue and the people who buried her. But what does this say about the nails? If we do our homework, instead of just shooting from the lip, we notice that the combination of coins and nails in a tomb indicate one thing only: magical protection in the afterlife. For example, in a 5th century B.C.E. grave at Nicea, a dead man was found clutching his coin for Charon and six nails! At Olynthus nails were found in rows on either side of the upper part of the body of the deceased. Another magical use of nails was to pierce folded lead plaques inscribed with curses. (In this case, although the nails were used for magical purposes, unlike crucifixion nails, these nails in themselves did not acquire magical properties.) All in all, nails buried for magical purposes have been found in Greece, Asia Minor, and Cyprus (see Hachlili, pp. 511-12). There is no doubt that at least some of these must have been associated with crucifixion (see Pliny’s Natural History 28:11). Clearly, then, when it comes to the Caiaphas family tomb, the grave goods found there demonstrate that this was a Hellenized family drawing on Jewish and pagan magical funerary traditions so as to guarantee peace for the deceased in the afterlife.

In conclusion, to say that nails in second templeJerusalem tombs are “common” is simply false. To say that they are “forgettable” is patently ignorant. The only reasons that nails were placed in Jewish tombs involved their association with “impurity” or “magic.” A similar practice is found all over the Mediterranean pagan world. Barring an unexplained contamination, the only reason that a nail would be found inside an ossuary is because it was still embedded in a bone (as in Givat Hamivtar) and/or because it served as an amulet. Based on the evidence, in the Jewish tradition, the only type of nails with amuletic powers are nails that had been used to crucify someone.

So we return to the original proposition. Given that Caiaphas is known to history for one thing only; the arrest, trial and crucifixion of Jesus, is it possible that the nails found in Caiaphas’s tomb were somehow implicated in the crucifixion of Jesus?

Of course, short of an inscribed plaque stating: “these are the nails that were used to crucify ‘Yeshua bar Yosef’” we can never be entirely sure, but is it “scientific” to refuse to ask the question? Is it “scientific” to misquote the facts, ignore the obvious questions, lose the artifacts and then attack anyone who says that the lost items may be related to Jesus?

I chiodi della Croce:

Una risposta alle critiche del film

Parte prima di sei

Come molte persone sanno, i miei colleghi ed io recentemente siamo stati sui titoli dei giornali perché affermiamo che potremmo aver identificato due dei chiodi usati nella crocifissione di Gesù. Il mio film documentario “I chiodi della croce” e la sua copertura mediatica, generata da una conferenza stampa a Gerusalemme (12 Aprile del 2011) ha causato una tempesta mediatica e specialmente molte critiche su internet, alcune delle quali scorrette.

Benché io non abbia mai risposto a queste critiche personali, ho deciso di fare un’eccezione questa volta. La mia decisione si basa su due fattori: primo, molte persone sono confuse sui fatti del caso. Secondo, per quello che mi preoccupa, il tono del dibattito é scivolato nella pseudo-scienza dell’antigiudaismo caricatura della Germania del 1930, e io sento che é mio dovere, come ebreo, giornalista ed essere umano allarmi e indicare i colpevoli.

Dividerò i miei commenti in questioni di sostanza e questioni di stile. Prima diamo un’occhiata alla sostanza.

L’essenza delle tesi presentate nel mio film é:

1. Nel 1990 una tomba é stata trovata a Gerusalemme est che molti, ma non tutti, gli studiosi sono d’accordo essere la tomba del Gran Sacerdote Caifa che, secondo i Vangeli, fu implicato (intorno al 30/31 d. C.) nell’arresto e crocifissione di Gesù Di Nazareth.

2. Nella tomba, gli archeologi identificarono 12 ossari, o scatole di ossa, del vasellame, una bottiglia di vetro di profumo, una moneta in uno dei teschi e due chiodi romani.

3. In accordo con la Mishná (Mishná Shabbat 6, 10; o anche Talmud Shabbat 6:9, 7c-d, B. Talmud Shabbat, 67a), le persone usavano i chiodi che erano stati usati per le crocifissioni come amuleti e allo scopo di guarigioni miracolose.

4. Dal momento che Caifa é conosciuto dagli storici per una cosa e una cosa sola, cioé il suo coinvolgimento nella crocifissione di Gesú, e dal momento che i chiodi della crocifissione erano considerati come amuleti, sembra ragionevole collegare i chiodi trovati nella tomba di Caifa con due dei chiodi usati per crocifiggere Gesú.

Penso che questi qui sopra, almeno come ipotesi di partenza, siano punti estremamenti chiari. Basandomi su queste tesi, ho chiesto all’Autoritá Israeliana per le Antichitá (IAA) di aver accesso ai “chiodi di Caifa”. Mi informarono che i chiodi erano scomparsi. Non erano stati fotografati, misurati, disegnati o propriamente documentati. Ad oggi, l’IAA non ha idea di dove essi siano.

Come mostrato nel mio film, credo di averli trovati.

La mia tesi, comunque, non é toccata dalla mia affermazione di aver ritrovato i chiodi in un laboratorio di antropologia all’Universitá di Tel Aviv. Quindi torniamo alla tesi e alle critiche mosse contro di essa.

1. Al mio primo punto, cioé che la tomba in questione appartenesse al Gran Sacerdote Caifa, ci sono obiezioni, ma nessuna reale controversia. É vero che alcune persone dicono che la tomba potrebbe non essere associata col noto Gran Sacerdote. Naturalmente nessuno può dire, con assoluta certezza, che quella é la sua tomba. Ci sono raramente, forse mai, in archeologia assolute certezze. Comunque, c’é un generale accordo tra gli esperti che la tomba in questione appartenesse al Gran Sacerdote menzionato nei Vangeli.

Per esempio, il curatore dell’Israel Museum David Mevorach dice alla telecamera che egli crede che il “Caifa” che é sepolto nella tomba, e il cui ossario é segnato con l’inscrizione “Giuseppe figlio di Caifa” (Yoseph bar Caiapha in ebraico) é il Gran Sacerdote dell’infamia della Bibbia Cristiana. Mevorach fornisce diverse ragioni. Primo, da circa 3000 ossari che sono stati scoperti in Israele, il nome “Caiaphas” appare solo in questa tomba. In altre parole, é un nome molto, molto raro. Secondo, quello trovato nella tomba era un ossario molto elaborato. Questo ossario é ora in mostra all’Israeli Museum dove é presentato come l’ossario di Caifa. É molto decorato, e si adatta a un gran sacerdote. Terzo, una moneta trovata nella tomba é datata al 42/43 d. C., il regno di Erode Agrippa I, così la tomba si adatta all’ipotesi come luogo e datazione.

Il pubblicato di recente Corpus Inscriptionum Iudaeae/Palestinae di Hannah Cotton ed altri (De Gruyter, 2010) riassume tutte le discussioni in questo modo:”… Il presente ossario e l’intera tomba potrebbe essere associata con Giuseppe Caifa, il Gran Sacerdote degli anni 18-36 d. C. Conosciuto da Giuseppe e dal Nuovo Testamento” (pg. 483, le parti in corsivo erano cosí in originale).

Le parole “l’intera tomba” sono molto significativa e ci torneró sopra piú tardi. Per ora, é sufficiente dire, che alcune delle persone che mi criticano rispetto alle mie tesi sui chiodi sono le stesse persone che hanno identificato questa tomba come la probabile, o possibile, tomba del Gran Sacerdote Caifa. Per esempio, Greenhut, l’archeologo capo di questo scavo, ora fugge pubblicamente la connessione tra la tomba e Caifa. Ma disse questo nel rapporto ufficiale pubblicato nel 1991 dall’IAA Ebraico: “È quasi certo il nome della famiglia del Gran Sacerdote “Caifa” dalla cui casa il prigioniero Gesú fu trasferito da Ponzio pilato”(Hadashot Archiologiot Tsadi/Zayin [97], IAA, 1991, p. 72, enfasi aggiunta, traduzione mia”. Perfino Mr. Joe Zias, il precedente antropologo all’IAA, e il mio critico più intemperante, nel 1992 affermò che questa grotta “sembra essere la tomba della famiglia del Gran Sacerdote Caifa” (‘Atiqot 21, 1992, p. 79).

Ma forse Greenhut, Mevorach, Cotton e gli altri si sbagliano. Forse la tomba non ha nulla a che fare col Gran Sacerdote menzionato nei Vangeli. Uno degli argomenti contro l’identificazione di questo “clan Caifa” con il clan Caifa é che il sacerdozio o la classe “Sadducea”, a cui il Gran Sacerdote Caifa apparteneva, non credeva nell’aldilá. Di conseguenza, dicono i critici, la famiglia di Caifa non avrebbe usato che prevedevano una “seconda sepoltura”, dal momento che questa pratica é associata con l’aldilá (vedi Cotton ed altri p. 484). Un argomento correlato é che é semplicemente un errore associare i nomi nelle tombe con personaggi della storia ben conosciute. Questi argomenti non stanno in piedi.

Specificatamente, l’ossario catalogato in Cotton et al. Come #534, qual é presentato nel Hecht Museum ad Haifa fa cadere entrambe le obiezioni di cui sopra: Primo, appartiene chiaramente a una nipote di un Gran Sacerdote come attestato dall’iscrizione Ebraica sulla scatola. Questo dimostra che almeno alcuni familiari dei sacerdoti credevano nell’aldilá. Secondo, il Gran Sacerdote é un uomo chiamato “Teofilo”. Questo individuo é conosciuto per essere il cognato di Caifa, che sostituí nell’officio del Gran Sacerdozio (vedi D. Barag e D. Flusser in Israel Exploration Journal 36, 1986, pp. 39-44 e Cotton et al. Pp. 550-551). (Potrebbe essere anche colui a cui Luca ha dedicato il suo Vangelo (1, 3)? Dovremmo aprirci alla possibilitá che gli inizi del movimento di Gesú avessero amici tra le alte sfere). Il mio punto é: se il Gran Sacerdote Teofilo é stato identificato positivamente, perché non suo cognato Caifa?

Altri che sollevano obiezioni puntano alla relativa piattezza della tomba e alla povera qualitá delle iscrizioni. Ma se guardiamo all’ossario di Shimon Boton (#76 in Cotton et al.), vediamo un ossario semplice, trovato in una tomba semplice con un graffito come iscrizione che, senza dubbio, é stato identificato con la famiglia del Gran Sacerdote menzionata da Giuseppe (Antichitá 19.297).

Detto semplicemente, non ci sono obiezioni serie sull’identificazione della tomba di Caifa con quella del Gran Sacerdote dei Vangeli, e una maggioranza di studiosi lo supporta. Infatti, per centinai di migliaia, se non milioni, di visitatori dell’Israeli Museum, l’associazione tra la tomba e il Caifa storico é stata fatta dal museo stesso.

2. Riguardo al mio secondo punto, cioè il mio rapporto sui vari artefatti trovati nella tomba; qui, anche, non c’é controversia di alcun tipo. Gli artefatti sono oggetto di una registrazione pubblica e il rapporto non é contestato da nessuno. Né alcuno contesta il fatto che i due chiodi Romani trovati nella tomba siano stati persi. Nei suoi ultimi attacchi a me sulla stampa e in internet, Mr. Joe Zias, non solo conferma la sparizione dei chiodi ma – rimarchevole- si assume la responsabilitá della perdita affermando che era egli – e nessun altro- che era responsabile di loro ( vedi Zias, Joe, http://www.scribd.com/doc/53330573/Zias-Nails).

3. Il terzo punto nella mia tesi é che i chiodi nella tomba sono importanti. E qui é dove la controversia sembra raggiungere il suo apice. Prima di affrontare questo, chiariamo i fatti fino ad ora; l’idea che la tomba in questione sia del Caifa storico non é mia, é come il Museo di Israele ha etichettato la tomba. Inoltre, l’idea che i chiodi romani siano stati trovati nella tomba non é mia, é parte di una registrazione archeologica. L’idea, comunque, che questi particolari chiodi sono importanti é indubbiamente mia. E se io ho ragione, gli archeologi coinvolti hanno perso quelli che potrebbero essere i piú importanti artefatti mai trovati in tombe di questo periodo. Potete comprendere perché le mie tesi potrebbero irritarli.

A loro difesa, nascosti dietro una dichiarazione ufficiale dell’IAA rilasciata alla mia conferenza stampa ( si veda http://www.antiquities.org.il/article_Item_eng.asp?sec_id=25&subj_id=1825&module_id=#as0) gli archeologi in questione dicono che i chiodi negli scavi archeologici israeliani sono entrambi “comuni” e “dimenticabili”. Questa affermazione é stata colta dai miei critici e citata con gusto. Infatti, Robert R. Cargil, un ministro ordinato con una laurea, ha creato una nuova regola per gli scavatori che egli ascrive agli archeologi israeliani:”… Solo quei chiodi di taglia. Forma significativa o quelli trovati in luoghi peculiari sono da considerare significativi” ( Una critica a Simcha Jacobovici’s Secret of Christianity: I chiodi della Croce, Maggio, 2011, Bibleinterp.com, p. 3, enfasi aggiunta). Per brevitá, potremmo chiamare questa la “Legge Cargill” dell’archeologia. Ma esaminiamo l’affermazione dell’IAA e vediamo se un solo archeologo, in buona fede, può essere d’accordo.

Per iniziare non esiste un solo archeologo, compresi quelli che hanno scavato la tomba di Caifa che non direbbero in una lezione introduttiva del primo anno a un corso di archeologia: ” In archeologia, ogni rtrovamento è importante. Non solo il ritrovamento, ma la precisa locazione e specialmente il contesto del ritrovamento.”

Questa é una cosa cosí vera che mi sono divertito a citarla. Le monete, per esempio, sono molto piú “comuni” nelle tombe di Gerusalemme dei chiodi. Ma qualcuno suggerisce che quando si trova una moneta, questa non vada meticolosamente registrata e conservata? Qualcuno suggerisce  che sarebbe una buona cosa ignorare delle piccole monete e perderle? Infatti, proprio in questa tomba, una moneta “comune” fu trovata. Non solo fu fotografata e registrata ma, come si scoprí, raccontava una sorprendente storia. Oltre ad aiutare a datare precisamente la tomba, il luogo del ritrovamento era estremamente significativo. Fu trovata nel teschio di una delle donne sepolte nella tomba. Questo é “comune” nelle sepolture pagane, ma praticamente mai sentito in quelle ebraiche. I pagani erano soliti mettere una moneta sotto la lingua del defunto cosí che l’anima del defunto poteva pagare Caronte, il traghettatore dell’Ade sotterraneo, del prezzo necessario per traghettare al di lá dello Stige, e nell’equivalente pagano del paradiso. La scoperta della moneta nella tomba di Caifa significa che le persone sepolte in questa tomba stavano coprendo le basi dell’aldilá con pratiche pagane. Se questa, davvero, é la tomba del Gran Sacerdote Giudeo, allora la presenza di una moneta in un qualunque teschio in questa tomba é significativo. Suggerisce che questa famiglia era Ellenizzata a un livello mai immaginato prima per un Gran Sacerdote, e che era estremamente superstizioso. Piú che questo, dimostra che i Gran Sacerdoti scelti dai Romani era eterodossi, non orotodossi, e, comunque, piú vicini a essere seguaci dei presunti messia, specialmente se queste figure di messia erano anche eterodosse, come poteva essere benissimo Gesú ( vedi Peer Schaeffer, Jesus in the Talmud, Princeton Univerisity Press, 2007). Questa prova si accorda molto bene coi Vangeli  dove si dice che almeno due membri del Sinedrio (l’alta corte presieduta dal Gran Sacerdote Caifa), chiamati Giuseppe detto “di Arimatea” e Nicodemo, erano seguaci segreti di Gesú (vedi Giovanni 18, 18 e Matteo 27-60). In ogni caso, qualunque implicazione cogliamo dalla moneta, é chiaro che benché le monete siano “comuni” non sono “dimenticabili”. Nessuno ha perso la moneta.

I miei critici amano citare il professor Gabriel Barkay quando dissente da me, ma ignorano le sue affermazioni quando é d’accordo con me. Alla conferenza stampa sui “Chiodi di Caifa” Barkay ha detto che non esistono ” cose come artefatti “comuni” quando si parla di archeologia”. Ha detto inoltre che l’incapacitá di documentare propriamente i chiodi e la conseguente perdita degli artefatti é stata “cattiva archeologia”. Io mi azzarderei a dire che, nel suo cuore, Zvi Greenhut concorda col professor Barkay.

La mia risposta alla dichiarazione dell’IAA, comunque, é stata che anche se i chiodi in questione fossero stati “comuni” potevano ancora rivelarsi importanti e dovevano essere correttamente registrati. Per esempio, nella “burnt house” (casa bruciata) nella cittá vecchia di Gerusalemme furono trovati oltre 12,5 chili di chiodi nella bottega di un carpentiere. E tutti sono stati diligentemente catalogati da Hillel Geva (Vedi Hilel, Geva, Jewish Quarter Excavations in the Old City of Jerusalem, condotti da Nachman Avigad, 1969-1982, Volume IV: The Burnt House of Area B in Other Studies, Final Report, 2010, pp. 254-255). Ma, quando si tratta di tombe scavate, il fatto é che i chiodi nelle tombe di Gerusalemme non sono comuni. Al contrario. Sono rari. A maggior ragione, un chiodo dentro un ossario é quasi senza precedenti. L’affermazione dell’IAA é semplicemente sbagliata.

Nessuno deve fidarsi della mia parola. Chiunque può facilmente trovarne la prova consultando la Bibbia delle pratiche funerarie ebraiche nel periodo del Secondo Tempio del professor Rachel Hachlili (Jewish Funerary Customs, Practices and Rites in the Second Temple Period, Brill, 2005). Al contrario di Greenhut, Zias e altri che potrebbero degradare il significato di tali artefatti. Il professor Hachlili non disdegna i chiodi trovati nelle tombe del Secondo Tempio. Anzi al contrario, essi figurano in maniea importante nelle tavole del suo capitolo sui “Beni nelle tombe” (pp. 401-434).

Una scorsa veloce alle tabelle mostra che l’unico luogo dove é stato trovato un numero relativamente grande (100) di chiodi, é il lato ovest del monte Scopus in tombe scavate da Amos Kloner (1980). Comunque, qui non c’era alcun ossario coinvolto cioé nessuna seconda sepoltura. Messa diversamente, se guardiamo alle tombe sul lato ovest del monte Scopus, dove erano coinvolti degli ossari allora, secondo le tavole di Hachlili, su 301 ossari solo in 17 furono trovati dei chiodi. Confrontiamo questo con 111 lampade e 152 unguentari cioé contenitori tipo bottiglie contenenti olio o spezie usati per ungere il corpo e/o le ossa del defunto.

Sul lato est del monte Scopus, su 109 ossari solo 2 chiodi sono stati trovati! Sul Monte degli Ulivi, soo stati trovati 191 ossari e nessun chiodo! Infatti, in centinaia di tombe contenenti 1417 ossari, solo 39 chiodi di ferro sono stati trovati! Confrontate questo con i 600 unguentari, 433 coppe, 191 brocche, 236 oggetti di vetro e 114 monete.

Ora, se guardiamo quanti chiodi sono stati trovati negli ossari; al di lá di quello trovato nella tomba di Caifa, ce n’é uno solo. Questo singolo chiodo, trovato nell’ossario di un uomo crocifisso, fu scoperto nel 1968 a Givat Hamivtar. Quando fu scoperto, questo chiodo ea ancora conficcato nel calcagno dell’uomo. La scoperta del calcagno crocifisso é la nostra unica prova archeologica di crocifissione mai trovata al mondo. Puó ogni persona ragionevole, in ogni caso, spiegarmi per favore come il signor Zias e i suoi colleghi cercando all’interno di un ossario di Gerusalemme e, avendo visto un chiodo di epoca romana in un contesto simile per la seconda volta nella storia, concludere che questo é un ritrovamento “comune” e “dimenticabile” senza preoccuparsi di documentarlo o conservarlo?

Come si scopre, quando si parla della tomba di Caifa, i chiodi incontravano i criteri delle “Legge Cargill” dell’archeologia perché furono “rinvenuti in un peculiare” luogo.

Alla luce di tutto questo, possiamo prontamente vedere che la dichiarazione ufficiale dell’IAA, come argomentato dal Dr. Gideon Avni nel mio film, é in qualche modo poco ingegnoso. Naturalmente, ” i chiodi negli scavi archeologici in Israele” sono “comuni”. Se trovi il sito di un antico edificio, per esempio, troverai centinaia, se non migliaia, di chiodi. Se trovi una barca, facendo un altro esempio, troverai centinaia di chiodi. Ma non stiamo parlando di chiodi in antichi edifici. Stiamo parlando di chiodi in tombe di Gerusalemme del periodo del Secondo Tempio. E, come Hachlili chiaramente registra, i chiodi in tombe del Secondo Tempio sono rari, e dentro gli ossari praticamente non se ne é mai sentito parlare!

Piú che questo, come Barkay chiarisce; perfino se Avni avesse ragione, avrebbe torto. Intendendo che se i chiodi nelle tombe sono comuni, questo non cambia la necessitá di documentarli e conservarli. In un contesto funerario, perfino gli oggetti “comuni” possono avere un significato particolare. Come dice il professor Hachlili: “… Oggetti usati ogni giorno sono messi nelle tombe, ma nel contesto sepolcrale possono assumere un significato funerario” (p. 376).

Il che ci porta al mio punto principale. Vale a dire che i chiodi trovati in qualunque Secondo Tempio, a Gerusalemme, contesto funerario possono essere relazionati alla crocifissione, mentre i chiodi trovati negli ossari erano molto probabilmente.

In maniera sorprendente, basandosi sulle varie dichiarazioni alla stampa, conferenze stampa e blog su Internet, Greenhut, che ha scavato la tomba di Caifa, e Zias che ora si prendono la responsabilitá per la scomparsa dei chiodi, sembrano beatamente inconsapevoli della possibile connessione tra i chiodi trovati tra i beni della tomba e la crocifissione. Sembrano credere che questa sia una connessione fatta da me con lo scopo di ottenere i titoli dei giornali.

Il fatto è che in entrambe le tradizioni, pagana ed ebrea, i chiodi di ferro in generale, e i chiodi dei crocifissi in particolare, sembrano essere pieni di propietà magica, come amuleti. Questa non è una mia idea. Questo è un fatto documentato. Per esempio, nella letteratura rabbinica (Mishna Shabbat 6.10, J. Talmud Shabbat 6:9, 7c-d, B. Talmud Shabbat, 67°) c’è una discussione riguardo l’uso magico dei chiodi della crocifissione per la guarigione. Lì, i saggi dicono che i chiodi non dovrebbero essere usati per guarire le persone perché la pratica è associata all’idolatria. Al più tardi dell’XI secolo, comunque, il filosofo ebreo, Maimonide, sul suo commentario su questi brani, argomenta che possono essere usati e perfino trasportati di Sabato, in violazione del divieto di proibizione di trasporto in un luogo pubblico, se – e solo se – l’obiettivo è guarire, a l’attività non è associata con l’idolatria. In altre parole, nella tradizione ebraica, i chiodi dei crocifissi – chiodi che erano stati usati per crocifiggere qualcuno, sembrano essere stati associati sia con la guarigione, sia con la magia.

A differenza di Zias e compagni, Hachlili è ben conscia dell’importanza dei chiodi in un contesto funerario. Nel suo libro, ha perfino una sezione intitolata “chiodi di ferro”. Qui lei annota che “chiodi di ferro… furono trovati dentro e fuori diverse tombe a Gerusalemme e a Gerico, e sembra che siano stati messi lì per un motivo” (p. 511, enfasi aggiunta). Ma quale è questo motivo?

Hachlili offre diverse opzioni: Primo, dice, i chiodi potevano essere utilizzati per incidere le iscrizioni. Al di là del fatto che il Talmud, che è molto attento a questa materia, non fa alcuna menzione di una tale pratica, questo naturalmente, teoricamente, possibile. Ma per rispetto alla tomba di Caifa, sembra altamente improbabile che, (come Reich suggerì), un chiodo usato per incidere un nome su un ossario fosse poi deposto nell’ossario finita l’incisione. Psicologicamente parlando, questo sembra improbabile- si può davvero immaginare un figlio che getti l’oggetto con cui ha inciso nel sarcofago del padre? Oltretutto questo tipo di comportamento avrebbe reso inutile l’intero scopo della seconda sepoltura. Non dimentichiamo che l’intero fenomeno dell’uso degli ossari prevedeva un processo nel quale il morto veniva purificato. In accordo col punto di vista Mishanico, l’”impurità” della carne è maggiore dell’”impurità” delle ossa, perché la carne si corrompe e si riempie di insetti e vermi in un modo in cui alle ossa non capita (Mishna Masechet eduyot 6:3). Le seconde sepolture, oltretutto, elevavano le ossa da un livello di “maggior tuma (impurità)” a un livello di “minor tuma”. L’idea era di lasciare che la carne si decomponesse e allora sepellire di nuovo le “superiori” ossa bianche in un proprio ossario.

Dal momento che chiodi di ferro sono stati usati come strumenti sono già venuti in contatto con la morte, cosa che li ha resi ritualmente “impuri”. E’ altamente improbabile e perfino contraddittorio, dunque, che un chiodo fosse stato lanciato in un ossario o che ci fosse arrivato “per sbaglio”, come Barkay suggerisce. Se fosse successo così la “tuma” o “l’impurità” del chiodo si sarebbe mescolata con le ossa elevate del defunto. E avrebbe reso del tutto inutile l’intero ossario.

In accordo con Hachlili, la seconda ragione per cui i chiodi potevano finire in una tombe coinvolge l’intero concetto di impurità rituale. Se i chiodi sono divenuti “impuri”, cioè sono venuti a contatto con una persona morta, devono essere sepolti. Questo è possibile. Ma nella tradizione ebraica questa possibilità è mitigata dal fatto che non tutti i tipi di chiodi che vengono in contatto con i morti diventano impuri.

Nella Mishna (Masechet Kelim 11:3;12:4,5) c’è una discussione riguardo i tipi di chiodi che possono diventare impuri. Il professor Dan Levene e Beno Rothenberg riassumono la discussione in questo modo: “…ci sono molti diversi tipi di chiodi (MSMRYM) menzionati [nella Mishna]. In molti casi [questi chiodi] hanno la sola funzione di essere parte costituente di un intero oggetto, e quindi ritenuti non suscettibili di impurità. Ci sono, comunque, casi dove oggetti chiamati come chiodi sono da considerare veri e propri utensili [e quindi suscettibili]” (A Metallurgical Gemara; Metals in the Jewish Sources, AMS, 2007, p. 161).

In accordo con la Mishna, quindi, il chiodo della porta di una stanza dove è morto qualcuno non sarebbe finito in una tomba,  mentre il chiodo usato come strumento per incidere non sarebbe stato portato fuori dalla tomba. Messo diversamente, le regole dell’impurità nelle fonti rabbiniche dicono che ogni chiodo che è parte di qualcosa, cioè una porta, una scatola, un appendiabiti, se veniva in contatto con un morto non doveva essere sepolto. Mentre ogni chiodo usato come utensile, una volta divenuto impuro, doveva essere sepolto. (La comunità dei Rotoli del Mar Morto, come in molte altre cose, era molto più rigida su questo punto. Ma Gerusalemme non è Qumran. Vedi Damascus Document (CD) 12: 17-18 per regole più rigide.)

Cosa tutto questo significa è che è altamente improbabile che i chiodi trovati nelle tombe di Gerusalemme fossero lì perché erano diventati impuri prima della sepoltura. Se sono stati trovati in una tomba, erano lì perché erano stati usati per scrivere qualcosa o, molto probabilmente, per la loro funzione come amuleti. Messa semplicemente, se trovi dei chiodi in una tomba non sono lì perché erano usati come appendiabiti, o per assicurare i ferri dei cavalli. Erano probabilmente lì perché si riteneva possedessero proprietà magiche o da amuleti. E, nella tradizione ebraica, gli unici chiodi che erano considerati così erano i chiodi della crocifissione.

Consideriamo ora il contesto più ampio della tomba di Caifa.

Chiaramente almeno alcune delle persone sepolte in questa tomba avevano a che fare con pratiche magiche pagane, per esempio la donna sepolta con la moneta sotto la sua lingua e chi la sepellì. Ma questo cosa ci dice riguardo ai chiodi? Se facciamo i nostri compiti a casa, invece di sparare dalla bocca quello che ci passa per la testa, notiamo che la combinazione, in una tomba indica una cosa sola: protezione magica nell’aldilà. Per esempio, in una tomba del Quinto secolo prima di Cristo a Nicea, un morto fu trovato con la sua moneta per Caronte e sei chiodi! A Olynto i chiodi furono trovati in file su entrambi i lati della parte superiore del corpo del defunto. Un altro uso magico dei chiodi era quello di forare delle placche di piombo piegate su cui erano incise delle maledizioni. (in questo caso, nonostante i chiodi fossero usati per uno scopo magico, al contrario dei chiodi della crocifissione, questi chiodi in se stessi non acquisivano proprietà magiche). In tutto, chiodi usati per scopi magici sono stati trovati in Grecia, Asia Minore, e Cipro (vedi Hachilili pp. 511-12). Non c’è dubbio che almeno alcuni di questi devono essere associati con la crocifissione (vedi Plinio Natural History 28:11). Chiaramente, allora, quando si viene alla tomba di famiglia di Caifa, i beni trovati nella tomba dimostrano che questa era una famiglia Ellenizzata che seguiva le tradizioni funerarie ebraiche e pagane per garantire la pace ai defunti nell’aldilà.

In conclusione, dire che i chiodi nelle tombe del secondo tempio a Gerusalemme sono “comuni” è semplicemente falso. Dire che sono “dimenticabili” è palesemente ignorante. L’unica ragione per i chiodi erano posti nelle tombe ebraiche era il loro coinvolgimento con l’”impurità” o con la “magia”. Una pratica simile si trova in tutto il mondo pagano intorno al Mediterraneo. Eccetto delle inspiegate contaminazioni, l’unica ragione per cui un chiodo viene ritrovato all’interno di un ossario è perché è ancora attaccato a un osso (come in Givat Hamivtar) e/o perché è servito come un amuleto. Basandoci sulle prove, nella tradizione ebraica, l’unico tipo di chiodi con potere di amuleti erano i chiodi usati per crocifiggere qualcuno.

Così ritorniamo alla proposizione originale. Dato che Caifa è noto alla storia per una cosa soltanto; l’arresto, il processo e la crocifissione di Gesù, è possibile che i chiodi trovati nella tomba di Caifa fossero in qualche modo implicati nella crocifissione di Gesù?

Naturalmente, a meno di trovare un’etichetta con scritto. “Questi sono i chiodi che sono stati usati per crocifggere “Yeshua bar Yosef”” noi non potremo mai essere completamente sicuri, ma è “scientifico” rifiutare di porsi la domanda? E’ “scientifico” citare male i fatti, ignorare le domande ovvie, perdere gli artifatti e poi attaccare chiunque dica che gli oggetti persi potrebbero essere legati a Gesù?

E’ difficile commentare questo pezzo perché in apparenza c’entra poco col tema della tomba di Talpiot e dice molte cose sensate, in effetti per nessun archeologo è una bella cosa perdere dei reperti usciti da uno scavo. Detto questo c’è però da chiedersi perché il giornalista si accanisca così tanto a difendere una tesi che non ha nessuna solida base se non le sue congetture, inoltre la notizia del ritrovamento dei chiodi venne data alla stampa proprio poco prima della Pasqua, esattamente come avvenne per il caso della Tomba di Talpiot. In sostanza l’impressione che si ha è che, seppur vengono detto delle cose sensate e condivisibili da tutti coloro che si occupano di storia e archeologia, si voglia usare tutto questo per confermare le proprie tesi  che non hanno alcun fondamento storico e archeologico. I chiodi ritrovati nell’ossario di Caifa non abbiamo nulla che ci permetta di collegarli con la crocifissione ed è anzi più probabile siano stati semplicemente gli strumenti con cui si è inciso l’ossario stesso. In ogni caso, certo, l’ipotesi qui espressa rimane affascinante e non si può escludere totalmente, ma ha scarse probabilità di essere vera.

Tag: , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: