Considerazioni Teologiche – La Crocifissione


Vediamo ora la sezione successiva del sito, quella che si intitola “Theological Consideration” ovvero “Considerazioni Teologiche”

 

Crucifixion

The crucifixion of Jesus of Nazareth is a central event in the Christian faith. Accounts of the crucifixion can be found in all four Gospels: that is, of Matthew, Mark, Luke and John.

Crucifixion was a popular form of execution during the Roman Empire. As Jesus was the most important figure crucified according to Christian tradition, the cross symbol is closely linked to Jesus of Nazareth. It is believed that the crucifixion occurred in 30 or 33 CE.

The process of Jesus crucifixion began with his arrest in the Garden of Gethsemane. Jesus was arrested after one of his apostles, Judas Iscariot, turned Jesus over to the Roman authorities for thirty silver pieces. The New Testament describes that Judas told the authorities that the man they were seeking was the one whom he would greet with a kiss.

After his arrest, Jesus was brought to Caiaphas, the High Priest. Here, Caiaphas questioned Jesus regarding rumors that Jesus wanted to challenge Roman authority. When he did not answer, a soldier struck him. In addition, Jesus was blindfolded, spat on and tortured by the Roman soldiers, who mocked claims that he was king of the Jewish people. This is recorded in Matthew: “And they spat on Him, and took the reed and began to beat Him on the head. And after they had mocked Him, they took His robe off and put His garments on Him, and led Him away to crucify Him” (27:30).

The following day, Jesus was brought before Pontius Pilate, the Roman governor of Judea. Pilate questioned Jesus about the reasons behind his arrest. Pontius Pilate ordered the crucifixion of Jesus, releasing another individual condemned to death, Bar-Abbas, instead.

When Jesus was condemned to crucifixion, he was dressed in a purple robe as well as a crown of thorns. He was then scourged and beaten so as to be humiliated. According to the New Testament, Jesus was required to carry a wooden cross from Pilate’s palace to Gologtha (The Place of the Skull). Biblical tradition holds that Simon of Cyrene helped carry the cross for Jesus, who fell three times during this arduous journey.

The gospels record the crucifixion in great detail. Luke, for example, describes the physical suffering endured on the cross: “And being in agony He was praying very fervently; and His sweat became like drops of blood, falling down upon the ground” (Luke 22:44). According to the Gospels, Jesus was crucified on Friday, the eve of the Sabbath. He was crucified with two other men, one of which flanked either side.

Shortly before death, Jesus of Nazareth cried out that he was thirsty and a Roman soldier held a sponge of bitter wine up to his lips. Finally, after the other two men had already died, Jesus called out to God and gave up his spirit: “Father! Into your hands I commit my spirit!” (Luke 23:46). According to the Gospels, the sky turned dark for three hours following Jesus death.

LA CROCIFISSIONE

La crocifissione di Gesù di Nazareth é un evento centrale nella fede cristiana. Resoconti della crocifissione possono essere trovati in tutti e quattro i Vangeli: che sono di Matteo, Marco, Luca e Giovanni.

La crocifissione era una forma di esecuzione popolare durante l’Impero Romano. Dal momento che Gesù fu la piú importante figura crocifissa secondo la tradizione Cristiana, il simbolo della croce é strettamente collegato a Gesù di Nazareth. Si crede che la crocifissione avvenne nel 30 o nel 33 CE (Era Comune).

Il processo della crocifissione di Gesù inizia col suo arresto nel Giardino del Getsemani. Gesù fu arrestato dopo che uno dei suoi apostoli, Giuda Iscariota, lo tradí alle autoritá romane per trenta pezzi d’argento. Il Nuovo Testamento narra che Giuda disse alle autoritá che l’uomo che stavano cercando era colui che egli avrebbe salutato con un bacio.

Dopo il suo arresto Gesù fu portato da Caifa, l’alto sacerdote. Qui, Caifa interrogò Gesù riguardo le voci che egli volesse sfidare l’autorità Romana. Quando egli non rispose, un soldato lo colpí. In aggiunta, Gesù fu bendato, sputato e torturato dai soldati Romani che lo deridevano perché sosteneva di essere il re dei Giudei. Questo é registrato in Matteo: “E gli sputarono addosso, e presero una canna e iniziarono a colpirlo sulla testa. E dopo lo derisero, li tolsero la veste e gli misero un indumento, poi lo condussero via per crocifiggerò. ” (27, 30)

Il giorno seguente Gesù fu portato di fronte a Ponzio Pilato, il governatore romano della Giudea. Pilato interrogò Gesú riguardo i motivi del suo arresto. Ponzio Pilato ordinó la crocifissione di Gesù rilasciando invece un altro individuo condannato a morte, Barabba.

Quando Gesù fu condannato alla crocifissione, era vestito con una tunica rossa e una corona di spine. Egli fu flagellato e percosso per essere umiliato. In accordo col Nuovo Testamento, Gesù dovette trasportare una croce di legno dal palazzo di Pilato al Golgota (luogo del Cranio). La tradizione biblica afferma che Simone di Cirene aiutò a portare la croce Gesù, che cadde tre volte lungo il suo duro cammino.

I Vangeli riportano la crocifissione con molti dettagli. Luca, per esempio, descrive le sofferenze fisiche sopportate sulla croce. È mentre era in agonia pregava con molto fervore, e il suo sudore divenne come gocce di sangue, cadendo sul terreno. (Luca 22, 24). In accordo coi Vangeli, Gesù fu crocifisso il venerdí, vigilia del Sabato. Fu crocifisso insieme a due uomini, ognuno dei quali innalzato al suo fianco.

Poco prima di morire, Gesù di Nazareth urlò che era assetato e un soldato Romano tese una spugna con del vino amaro sulle sue labbra. Alla fine, dopo che gli altri due uomini erano giá morti, Gesù invocò Dio e consegnò il suo spirito. “Padre! Nelle tue mani consegno il mio spirito!” (Luca 23, 46). Secondo i Vangeli, il cielo divenne scuro per tre ore dopo la morte di Gesù.

Qui non c’è nulla di nuovo, un riassunto, sintetico, degli avvenimenti che hanno portato alla morte di Gesú e nulla piú.

Tag: , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: