Il Gallone – Il Codice Pontormo


The Pontormo Code

With the success of the Da Vinci Code many have reclaimed an interest in the art of Leonardo Da Vinci and more specifically, his painting of the Last Supper. However, few have garnered the same enthusiasm for one of his students, Jacopo da Pontormo (1494-1557), whose work Supper at Emmaus (1525) may shed even greater light on the significance of the supposedly secret symbol of the All-Seeing Eye.

The work itself represents the “other Last Supper” the supper that Jesus shares with his disciples after his resurrection, as depicted in Luke, chapter 24. What is peculiar about the painting is that it features a representation of the All-Seeing Eye above Jesus head.

According to some art historians, the Eye was added several decades later (after the Council of Trent), replacing Pontormo’s original symbol of the three-faced head, which was a Christian symbol of the Holy Trinity prior to the Counterreformation. Others say there was originally nothing in its place, and therefore have opted to remove it altogether from the piece.

What exactly Pontormo’s intentions were for the symbol, unfortunately remains somewhat of a mystery. Some assert that the eye, which features a background of clouds, is intended to link the “revelation” made by Jesus at the supper to that of Revelation 1:7: “Look, he is coming with the clouds, and every eye will see him, even those who pierced him; and all the peoples of the earth will mourn because of him. So shall it be! Amen”.

The symbol itself would eventually come to represent the organization of the Freemasons, although its Christian underpinnings would never be forgotten.

 

Il codice Pontormo

Con il successo de Il Codice Da Vinci molti hanno riscoperto interesse nell’arte di Leonardo Da Vinci e più in particolare nel suo dipinto dell’ultima cena. Comunque, pochi hanno raccolto lo stesso entusiasmo per uno dei suoi studenti, Jacopo da Pontorno (1494 – 1557), la cui opera Cena a Emmaus (1525) può gettare una luce ancora maggiore sul significato del simbolo supposto segreto dell’occhio che tutto vede.

L’opera stessa rappresenta “l’altra ultima cena” la cena che Gesù divide coi suoi discepoli dopo la resurrezione, come descritto in Luca al capitolo 24. Quello che è peculiare in questo dipinto è che ha una rappresentazione dell’OcchioCheTuttoVede sopra la testa di Gesù.

In accordo con alcuni storici dell’arte, l’Occhio fu aggiunto diversi decadi più tardi (dopo il Concilio di Trento), sostituendo il simbolo originario di Pontormo della testa con tre facce, che era un simbolo cristiano della Santa Trinità prima della Controriforma. Altri dicono che in origine non c’era nulla in quel posto, e quindi si optò per rimuoverlo insieme al pezzo.

Quali erano esattamente le intenzioni di Pontormo per il simbolo, sfortunatamente rimarranno in qualche modo un mistero. Qualcuno asserisce che l’occhio, che aveva uno sfondo di nuvole, intendeva collegare la rivelazione fatta da Gesù alla cena con quella di Apocalisse 1:7 “Guarda, arriva con le nuvole, e ogni occhio lo vedrà, perfino quelli che lo hanno trafitto; e tutte le persone della terra piangeranno a causa sua. Così dovrà essere! Amen”

Il simbolo stesso rappresenterà, in futuro, l’organizzazione della Massoneria, benché le sue origini cristiane no saranno mai dimenticate.

 

Seguiamo quanto ci dice il sito. Si parte da “Il Codice Da Vinci” che, come tutti sappiamo è un romanzo quindi sicuramente non è una fonte attendibile per quanto riguarda le notizie storiche. Poi si passa a Pontormo, il cui vero nome era Jacopo Carrucci e che nasce nel 1494 e muore nel 1556, e si cita un suo dipinto come “l’altra ultima cena” ma non c’è alcuna relazione nè tra i due dipinti nè tra i soggetti che rappresentano se non il fatto di essere due cene. L’ultima cena di Cristo è quella che precede la sua passione, morte e resurrezione, quella di Emmaus invece avviene dopo la resurrezione. Ma che mistero nasconde il simbolo nel quadro? Assolutamente nessuno, è un simbolo usato, dopo il concilio di Trento (1545-1563) per indicare la Trinità, ma al di là del valore e del significato del simbolo in sè non si capisce perchè in questo caso non dovremmo applicare quanto detto proprio sul sito nella pagina precedente, dove veniva scartata l’ipotesi di interpretare il simbolo con quello simile usato dai tipografi moderni o dagli astrologi del medioevo? Insomma, al momento non c’è nulla che giustifichi un legame tra un simbolo su un quadro del 1525 d. C. e quello posto all’ingresso di una tomba del primo secolo dopo Cristo.

Tag: , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: