E un elfo li radunò…


Perdonatemi se oggi interrompo il tenore dei soliti post per segnalarvi che è uscito un mio nuovo romanzo.

Si intitola “E un elfo li radunò…” è un  romanzo fantasy, una grande avventura che parla di amicizia e libero arbitrio, pubblicato per Linee Infinite.

Sul sito dell’editore http:\\www.lineeinfinite.net potete vedere la copertina del romanzo e leggerne un’anteprima.
Oppure http:\\eunelfo.wordpress.com è il sito/blog dedicato.
Naturalmente lo potrete acquistare in qualunque libreria (se non ce l’hanno subito basta ordinarlo) o chiederlo direttamente a me.
E un elfo li radunò…” è un libro che rischia, come di tutti i libri che non hanno un grosso editore alle spalle o un nome conosciuto come autore di non essere notato, vi chiedo allora se avete qualche contatto nei media a qualunque settore o anche semplicemente un blog, un sito internet o una pagina facebook e lo credete opportuno di segnalarlo perché più persone lo conoscano.

Di seguito la copertina, giusto per invogliarvi un po’:

Tag: , , , , , ,

2 Risposte to “E un elfo li radunò…”

  1. Silvano Valenti de Wiederschaun Says:

    Diffonderò insieme con la presentazione di un libro di editore non di grido e di autore che il 22 p.v. compie i cento anni: la Medaglia d’Oro Emilio Bianchi eroe di Alessandria.
    Unisco il testo del comunicato che non ha molta fortuna in questi tempi caini intrisi di “pacifismo”.
    (il pacifismo è da rigettare. Sta scritto: “beati i pacifici”, non i pacifisti).
    Laudetur XP , ave atque vale!

  2. Ferruccio Bravi Says:

    Diffonder all’occasione insieme con la presentazione (incollata in calce) di un libro di cui sono coautore: il Diario della Medaglia d’oro E.Bianchi, l’eroe di Alessandria che il prossimo 22 compie i cento anni. L’editore non di grido e il tema poco accetto in questi tempo caini nondimeno impregnati di pacifismo. Voi ecclesiastici mi insegrate tuttavia che sta scritto”Beati i Pacifici”. Non i “pacifisti”. Laudetur KP, ave atque vale! F.Bravi. . 3 – Un i Settantadue anni fa il 10 giugno 1940 l’Italia interveniva nel se-condo conflitto mondiale. Nellanniversario di questo evento de-terminante per le sorti della nostra Patria, il Gruppo di Studio Avser di Torre del Lago presenta la recente edizione dun volu-me di ampio consenso (ben tre edizioni e due ristampe) sulle epi-che gesta degli operatori dei mezzi dassalto della Marina: PAGINE DI DIARIO 1940 -1945 MEMORIE DI GUERRA E DI PRIGIONIA DI UN OPERATORE DEI MEZZI D’ASSALTO DELLA MARINA MILITARE ITALIANA Autore: EMILIO BIANCHI. Commento e note di Ferruccio Bravi Lautore, Medaglia dOro al V.M., fu uno dei protagonisti del leggendario attacco alla base di Alessandria che senza spargimento di sangue inflisse alla flotta inglese gravissime perdite. La lezione del passato, si voglia o no, regola il nostro divenire e giova a migliora- re la nostra condotta di individui e di cittadini italiani. Soprattutto nelle avverse vicende giova mantenere vivo e saldo il ri-cordo di quanti con l’esempio, il valore e il sacrificio hanno tenuto alto lonore della nazione. Termini come ideale ed eroismo demagogicamente emarginati recuperano il significato perduto e infondono coraggio in questi tempi cos bui per l’Italia. In calce, per invito alla lettura, riprodotto il testo in apertura del Diario di Bianchi.

    Dati bibliografici: E. Bianchi, Pagine di diario 1940-1945, in 8, pagine 336, prezzo di copertina euro venti. Un ristretto numero di copie ceduto, ad esaurimento, al prezzo scontato di euro quindici, inclusa spedizione, al destinatario di questo volantino. Per informazioni contattare: Sandro Righini Segretario del G.d.S.Auser Via Valenzana di Sotto, 89 55050 Bozzano (Lu) tel, 0584/939552 p.e. righini.sandro@gmail.com . .

    I primi di giugno del lontano 1940 sono lucidamente impressi nel-la mia memoria. A Bocca di Serchio, dove mi trovo da circa un anno, il tempo radioso. La stagione splendida e mite come di solito nel tratto di litorale fra Pisa e La Spezia quando non piove, perch se piove vien gi che Iddio la manda e si dimentica di smettere. Qui, dove vivo tuttora con i miei ricordi e ripasso le pa-gine del mio diario, la primavera non conosce le mezze misure. E anche la gente fatta cos: ti amica o ti nemica, di poche pa-role o – pi spesso – di una loquacit che ti fa pensare a quando di-luvia e l’acqua tracima dai fossi. Qui si respira aria salubre, aria salmastra; e purtroppo anche aria di guerra. Per intanto la guerra ancora lontana, di l dalle Alpi, oltre il Reno in terra di Francia. La gente ne parla come fosse una cosa normale, senza toni drammatici. Un po’ la primavera che infonde ottimismo, un po’ l’assuefazione. Perch questo strano conflitto non scoppiato, come si suol dire, ma cominciato in sordina esattamente otto mesi fa ed proseguito in modo discon-tinuo; e la gente, sia che i tedeschi avanzino a valanga con la loro guerra-lampo, sia che temporeggino fra pigre manovre e scaramuc-e, trova sempre delle buone ragioni per sperare in una imminen-te conclusione. I pi pensano che la guerra ci risparmier e se al limite ne saremo coinvolti, per via dei patti che ci impegnano con la Germania di Hitler, beh, non sar un’avventura lunga e tragica come la ’15-’18. Cos la pensano da queste parti. Non so se nelle gran-di citt sono altrettanto ottimisti: le mie sono impressioni raccolte fra gente alla buona in un paese prossimo alla base daddestra-mento, a Torre del Lago, dove ho una fidanzata giovane e attraente per i suoi vent’anni e vari progetti in fresco per l’avvenire. Ma qui a Bocca di Serchio, dove sono mobilitato come sottufficiale operatore nei Mezzi di assalto della Regia Marina, tira una aria un po’ diversa. Avvertiamo l’avvicinarsi dell’ora solenne, anzi fatidica, come si legge nei giornali. Sappiamo che la guerra “breve o lunga che sia” non sar una scampagnata, sar una cosa seria. Addestrati come siamo al limite della resistenza fisica e setacciati a dovere da una severa selezione , siamo disincantati, alieni da illusioni, sogni, o propositi avventati. Emilio Bianchi

    Date: Tue, 9 Oct 2012 14:18:03 +0000 To: silvalentauser@hotmail.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: