8.10 I Santi maestri


I santi (auliya) nell’Islam, come abbiamo visto, sono di vario tipo, alcuni sono gnostici (ahl-i ma’rifat), altri pratici (ahl-i tauhid), alcuni sono entrambi, altri si specializzano in alcune qualità.[1] Gli amici di Dio, i santi dell’Islam, possono intercedere con le preghiere per chi rimane sulla terra. Inoltre menzionare i santi provoca una mensa di grazia divina, ed è possibile sperare di ottenere sollievo e grazia anche qui sulla terra.[2] Leggere i detti dei santi, più volte al giorno, è motivo di salvezza. Questi discorsi sono i migliori perché rendono freddo il mondo ai cuori degli uomini, ricordano agli uomini l’altro mondo, fanno nascere nel cuore dell’uomo l’amore di Dio e infine con essi l’uomo inizia a prepararsi un viatico per il viaggio senza fine verso l’assoluto.[3] Chi è amico degli amici di Dio spera di essere assimilato a loro. Il valore dell’umile preghiera è maggiore attraverso l’intercessione dei santi.[4]

Gli storici del sufismo considerano santi anche i fondatori delle quattro grandi scuole di diritto canonico che proseguono ancora oggi la loro attività, e i capi delle scuole minori che ormai si sono estinte. Erano uomini superiori per austerità e devozione, coraggiosi di fronte ai tiranni, più asceti che mistici. Traevano sistemi giuridici completi ed ortodossi dal Corano e dall’esempio di Maometto. Loro collaboratori erano i tradizionisti che raccoglievano le più antiche tradizioni sulla condotta e sulle parole del Profeta. Poi ne vagliavano l’autenticità seguendo una scienza estremamente elaborata e formavano grandi raccolte di tradizioni.[5] Al-Imam ash-Shafi Abu ‘Abdallah Mohammed ibn Idris è uno di questi grandi capiscuola. Visse 54 anni e morì al Cairo nell’820. Suo padre discendeva da un antenato di Maometto. Sin da piccolo assisteva alle lezioni degli ulamà e prendeva appunti su ossa e altri oggetti non disponendo di carta. Studiò diritto canonico alla Mecca e poi divenne l’allievo dell’Imam Malik. Stabilì la sua scuola nell’Iraq ed ebbe molti ulamà tra i suoi studenti. Era estremamente generoso. Colpito da diverse infermità, si vestiva sempre dignitosamente senza essere vistoso. Aveva un anello su cui era inciso: “A Mohammed ibn Idris è sufficiente affidarsi a Dio”. Passava un terzo della notte a scrivere, un terzo a pregare e un terzo a dormire. Ogni giorno recitava per intero il Corano e portava sempre il bastone per ricordarsi di essere un viandante su questo mondo. Ecco alcuni dei suoi detti più famosi: “Il vero amico è quello che accetta le scuse, provvede ai bisogni, perdona le mancanze. E’ quello che diventa amico dell’amico del proprio amico. Nessuna gioia è pari alla compagnia degli amici e nessuna pena alla separazione da loro. Non far torto all’amico speculando sulla sua bontà”; “Chi è provocato e non va in collera è un somaro; chi riceve gentilezze e non ne gode è un demonio”; “Chi ammonisce il fratello in segreto lo edifica e lo migliora, chi lo ammonisce in pubblico lo offende e lo svergogna”; “chi nasconde il suo segreto è padrone della sua sorte”; “Chi desidera che Dio gli conceda la luce del cuore deve stare in solitudine, mangiare poco, abbandonare la società degli sciocchi e odiare i dotti che tendono soltanto al successo mondano”.[6]


[1] BAUSANI A., Il “pazzo sacro” nell’Islam, …, p. 241.

[2] BAUSANI A., Il “pazzo sacro” nell’Islam, …, pp. 242-244.

[3] BAUSANI A., Il “pazzo sacro” nell’Islam, …, pp. 246-248.

[4] BAUSANI A., Il “pazzo sacro” nell’Islam, …, p. 250.

[5] VACCA V., Vite e detti di santi musulmani, …, p. 77.

[6] VACCA V., Vite e detti di santi musulmani, …, pp. 83-86.

Tag: , , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: