5.7 Attributi degli eroi


La qualità che risulta più spesso evidente e in modo preminente negli eroi greci è la capacità di combattere, tanto che si arriva a credere che gli eroi defunti proteggano attivamente le armate dei loro paesi. Questo era anche il motivo che spingeva le varie città a impossessarsi delle reliquie degli eroi.[1]

Un altro tipo di combattimento nel quale gli eroi, ma anche gli dèi, erano coinvolti era l’agone, tanto è vero che i più grandi agonisti furono eroicizzati.[2]

L’eroe poi era anche veggente in alcuni casi, non solo, il numero di eroi veggenti a cui era tributato un culto è di gran lunga superiore al numero degli oracoli presenti sul territorio greco.[3] Strettamente legata alla pratica mantica è quella iatrica, quella di guaritore. Sono molti gli eroi guaritori (Machaon in Laconia, Gorgasos e Nikomachos in Messenia, Polemokrates a Ena) e hanno tutti la caratteristica di essere uniti, genealogicamente, ad Asklepios.[4] Non è poi raro trovare gli eroi al centro di culti di tipo misterico, si pensi ad esempio ai figli di Media oppure a Dryops, Hippodameia ed Ino.[5]

E come i giovani dovevano andare a scuola, così anche gli eroi avevano le proprie scuole. Il più famoso dei maestri di eroi è Cheiron, il più giusto dei Centauri, che insegnava la medicina e le specialità agonistiche, ma anche l’arte della guerra e ciò che serviva per la vita civile. La scuola aveva un carattere chiaramente iniziatico e da essa si usciva spesso e volentieri solo dopo aver assunto un nuovo nome e aver abbandonato il precedente.[6]

Da tutto questo possiamo arrivare a dire che non c’è un eroe che sia esclusivamente legato a una particolare attività umana e anche lì dove ci sia un nome che sembri indicare un carattere particolare siamo invece in presenza di una personalità molto complessa e ricca di sfaccettature. Alcuni hanno come aspetto predominante quello di inventori, di precursori, ma si tratta più che altro di eroi culturali che rappresentano un’intera forma d’esistenza umana, così come accade per quegli eroi che, soprattutto nel mito, più raramente nel culto, appaiono legati ad attività specifiche, esse sono attività umane fondamentali.[7]

Volendo ora analizzare un mito particolare è necessario precisare che non esiste un mito di Herakles o di Theseus, perché ognuna di queste figure ha diversi miti, uno della nascita, uno della genealogia, alcuni dell’infanzia, altri delle gesta in età adulta e così via. Episodi in sé conclusi, ma non un unico mito che esaurisca l’intera figura dell’eroe. Inoltre non c’è un eroe che abbia in esclusiva tutti i suoi miti.[8]


[1] BRELICH A., Gli eroi greci, …, pp. 90-92.

[2] BRELICH A., Gli eroi greci, …, pp. 94-99.

[3] BRELICH A., Gli eroi greci, …, p. 113.

[4] BRELICH A., Gli eroi greci, …, pp.115-117.

[5] BRELICH A., Gli eroi greci, …, p. 121.

[6] BRELICH A., Gli eroi greci, …, p. 128.

[7] BRELICH A., Gli eroi greci, …, pp.184-185.

[8] BRELICH A., Gli eroi greci, …, pp.292-293.

Tag: , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: