4.5 Manu, l’eroe del diluvio


 

Il diluvio vedico è unico anche se paragonato ai miti simili di altre culture, ma anch’esso ha il suo eroe: Manu. Il punto centrale della narrazione è il sacrifico, e la dottrina cosmoantropocentrica del sacrificio. Ogni sacrificio è un sacrificio dell’intero genere umano, è la salvezza dal diluvio, è cioè determinante per il destino dell’intera razza umana. Il mito non ci racconta perché accade il diluvio né ci descrive la distruzione che ne segue, non parla di un patto di alleanza con chi sopravvive e non c’è accenno al fatto che esso non ricapiti. La distruzione ciclica del mondo e la sua rinascita sono un dato di fatto della cultura Vedica, quello su cui il mito pone l’accento è la figura di Manu, l’unico uomo che si salva e riceve, passato il diluvio, prole e ricchezza dagli dèi per le sue oblazioni.

Il diluvio

SB I,8,1,1-10

  1. 1.      Una mattina portarono a Manu dell’acqua per le sue abluzioni, come anche oggi si porta dell’acqua per lavarsi le mani. Mentre si stava lavando, gli venne tra le mani un pesce.
  2. 2.      [Il pesce] così parlò:

“Accudiscimi bene e io ti salverò!”

“Da che cosa mi salverai?” [domandò Manu.]

“Un’inondazione sommergerà tutti gli esseri viventi. Io ti salverò da essa!”

“Come posso avere buona cura di te?”

  1. 3.      [Il pesce] disse:

“fintantoché noi siamo piccoli c’è per noi un grande pericolo, poiché pesce mangia pesce. Tu mi devi tenere dapprima in un vaso. Quando non ci starò più, tu scaverai un fosso e mi terrai in esso. Quando non ci starò più, tu mi porterai al mare, poiché allora avrò superato il pericolo di essere divorato”.

  1. 4.      Presto divenne un jhasa [un grosso pesce], poiché questo è il pesce che diventa più grosso. Il pesce disse ancora: “nel tal anno verrà l’inondazione e tu dovrai costruire un’imbarcazione e stare vicino a me. Quando arriverà l’inondazione tu dovrai salire sulla nave e io ti salverò da essa [l’inondazione]”.
  2. 5.      Dopo che egli lo ebbe accudito così, lo portò al mare. E proprio nell’anno predetto dal pesce costruì un’imbarcazione e restò vicino al pesce. Quando fu giunta l’inondazione, salì sulla nave. Allora il pesce nuotò verso di lui ed egli legò la fune della sua nave al suo corno e in questo modo raggiunse la montagna settentrionale.
  3. 6.      Allora il pesce gli disse: “Io ti ho salvato. Lega la nave a un albero, ma non lasciare che l’acqua ti trascini via mentre sei sulla montagna. Tu puoi scendere a poco a poco mentre le acque si ritirano!” e infatti egli discese a poco a poco e così arrivò vicino a quel fianco della montagna settentrionale che si chiama “discesa di Manu”. Il diluvio aveva spazzato via tutti gli esseri viventi e qui rimaneva solo Manu.
  4. 7.      Egli si diede al culto e all’ascesi, poiché era desideroso di generare esseri viventi. Allora celebrò anche un sacrificio paka: offrì nelle acque burro chiarificato, latte acido, cagliata e siero di latte. Dopo un anno da tutto quello si produsse una donna. Ella emerse, assumendo forma solida, con burro chiarificato che ancor rimaneva nelle sue orme. Allora Mitra e Varuna la incontrarono.
  5. 8.      Essi domandarono: “Chi sei tu?”

“Sono la figlia di Manu”, rispose ella.

“Dì che tu sei nostra”, dissero essi.

“No”, ella rispose, “io appartengo a colui che mi ha generata.”

Essi volevano condividerla. Ella non acconsentì, né dissentì, ma sgusciò tra loro eclissandosi. Arrivò da Manu.

  1. 9.      Manu le domandò: “Chi sei tu?”

“Sono tua figlia”, ella rispose.

“Come avviene, [o benedetta], che tu sia mia figlia?”

“Con quelle offerte di burro chiarificato, latte acido, cagliata e siero di latte fatte nelle acque, tu mi hai generata. Io sono la Benedizione: usami nel sacrificio” Se mi userai nel sacrificio, avrai molta progenie e armenti. Qualunque benedizione invocherai per mezzo mio ti verrà pienamente concessa!”

Allora egli la usò a metà del sacrificio, poiché la metà del sacrificio: è intermedia tra le prime ed ultime offerte.

  1. Così con lei egli si diede al culto e all’ascesi, poiché era desideroso di progenie. Attraverso di lei egli generò questa razza, che è l’umanità; e qualunque benedizione egli invocò per mezzo suo, gli venne pienamente concessa. [1]

La fanciulla che nasce dalle offerte rappresenta la fede e chi la sa riconoscere ottiene tutto ciò che dalla fede è possibile ottenere, ma ella è anche l’offerta del sacrificio, ed è la figlia di Manu, ovvero lo strumento per l’incesto divino, non umano come abbiamo già visto. Le creature prodotte da dio sono incapaci di portare a termine il loro destino da sole e hanno bisogno di una nuova discesa del padre. E Manu, essendo l’unico sopravvissuto al diluvio è visto come il creatore di tutti i costumi e gli ordinamenti umani, ma soprattutto è l’iniziatore della prassi sacrificale.[2] Manu, come già Yama, è figlio di Vivasvant che ricorda molto da vicino l’eroe iranico Vivahant che aveva un figlio di nome Yima. Vivasvant è collegato al culto del Soma, il suo nome vuol dire “il risplendente, colui che si accende” ed è costituito dal verbo che indica la comparsa dell’aurora, è lui a portare il fuoco agli uomini (RV. 6, 8, 4) . Secondo la concezione induistica successiva ai Veda, Manu è il primo di quattordici eponimi che, nel corso di un lungo periodo, compaiono alternativamente come creatori dell’umanità e primi re.[3]


[1] PANIKKAR R., I Veda, Rizzoli, Milano 2001, pp. 843-848.

[2] BERTHOLET A., Dizionario delle religioni, Editori Riuniti, Roma 1964, pp. 262.

[3] GONDA J., Le religioni dell’India: Veda e antico induismo, Jaca Book, Milano 1981, p. 310.

Tag: , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: