Eroe e Santo – Due tipologie in un itinerario storico-religioso – 1


Com potete immaginare l’avventura di essere papà mi tiene bene impegnato quindi il tempo di scrivere è davvero poco. Ho pensato allora di pubblicare, in più parti quella che è stata la mia tesi di laurea sperando che possa interessare qualcuno di voi lettori. Come sempre siete invitati a mandarmi i vostri commenti.

Introduzione

E’ un percorso lungo, ma affascinante quello attraverso la storia delle religioni. Essa ci permette di studiare un ambito molto particolare dello scibile umano, un ambito nel quale si concentrano e vengono alla luce tematiche importanti con forti interconnessioni con i diversi piani del vissuto umano. Infatti la sfera religiosa tocca aspetti sociologici, antropologici, politici, ma anche personali con conseguenze che proseguono nel tempo molto più a lungo di quanto potremmo immaginare. La nostra analisi si concentrerà su due figure particolari, due figure sempreverdi nell’immaginario collettivo dell’umanità: l’eroe e il santo. E’ naturale che il pensiero vada subito all’idea di eroe e di santo che ci deriva dalla nostra tradizione culturale, che poggia su basi ellenistico-romane e giudaico-cristiane. Ecco allora che l’eroe per eccellenza è quello greco, mentre il santo è il santo cristiano; ma con questo lavoro abbiamo cercato di andare oltre. Abbiamo cercato di capire quale sia l’essenza di queste due figure e quali le loro origini. I due obiettivi d’altra parte sono non poco concatenati. Cercando di capire e, in qualche modo, di carpire l’essenza dell’eroe e del santo, dovevamo per forza di cose risalire alle loro origini, origini che non sono univoche. Ecco perché, nel nostro itinerario abbiamo esplorato dapprima la storia di quelle religioni che maggiormente hanno inciso sulla nostra cultura.

Religioni che nascono in Oriente, ma che hanno, sin da subito, un forte influsso su tutta l’area mediterranea e che quindi portano in sé alcuni tasselli, molto importanti, di quell’essenza che era il nostro primo obiettivo. Concluderemo poi con lo studio delle religioni monoteiste. E’ evidente che un particolare risalto avranno quest’ultime, soprattutto il cristianesimo, per il fondamentale legame che esso ha con tutta la nostra cultura. Non è stato un lavoro facile, sia perché da una parte il materiale di ricerca è molto vasto, ma soprattutto perché in alcuni casi le figure che cercavamo erano ben nascoste sotto altre spoglie, sotto altre visioni del mondo. Così, come novelli Sherlock Holmes (per l’appunto un eroe moderno, romanzesco, ma mitico allo stesso tempo), o semplicemente da attenti studiosi, abbiamo dovuto scoprire sotto quali spoglie essi si nascondevano o se in realtà, non si nascondessero affatto, ma fossero semplicemente assenti. Dove è stato possibile si è scelto di presentare le caratteristiche di un eroe e di un santo specifici, oppure ci si è limitati a pochi esempi, per far emergere meglio le analogie, le differenze e le somiglianze. L’uso dei molti testi di riferimento è servito a un duplice scopo: da una parte costruire le premesse con le quali poi confrontare, e quindi convalidare, le nostre conclusioni, dall’altra raccogliere tutti i dati che ci permettessero di trarre tali conclusioni. A completamento della nostra analisi abbiamo usato due schemi uno di Festugière1 ed uno di Raglan2 con i quali i due studiosi semplificano le figure del santo e dell’eroe. Come ogni semplificazione sono incompleti, ma risultano un ottimo indicatore per classificare i risultati ottenuti e aiutarci a comprendere quali possono essere, nelle varie realtà, i tratti caratteristici del santo e dell’eroe

Ognuna delle religioni analizzate è introdotta da una breve presentazione che non vuole assolutamente essere né un riassunto di lavori ben più validi, né esaustiva dell’argomento, ma solo dare delle linee generali che permettano poi di comprendere agevolmente l’analisi fatta successivamente sulle figure che sono l’oggetto del nostro studio.

1 FESTUGIÈRE A. J., Il ragazzo di Agrigento: con Il Greco e la natura, Medusa, Milano 2001, pp. 113-126.

2 RAGLAN F. R. S., The Hero: a study in tradition, myth, and drama, The New American Library, New York 1979, passim.

Tag: , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: