Chi è il Padre Spirituale?


Quando si riscopre un cammino di fede o quando lo si scopre la prima volta si prova una grande gioia, ma poco dopo sorgono anche i problemi. Infatti è facile che il mondo, con i suoi mille problemi, soffochi la fede nascente oppure che non si sappia bene come continuare a muoversi nella direzione di Cristo. Ecco che allora ci viene in aiuto la figura del Padre Spirituale, ovvero colui che può darci l’impulso di iniziare un rapporto vivo con Gesù, che ci indica come nutrire la nostra fede, come tenerla sempre viva, che anche ci richiama e ci aiuta a svilupparla e viverla nelle situazioni che la vita ci presenta. E’, in pratica, una figura che trasmette la vita divina e proprio per questa sua prerogativa non è qualcuno che viene scelto, ma qualcuno che Dio ci dona gratuitamente. Nei testi sacri troviamo molti esempi di questo tipo, il primo che mi viene in mente è quello di Tobia, infatti, dovendo egli intraprendere un lungo e difficile viaggio, il padre Tobi gli dice: “Cercati, o figlio, un uomo di fiducia che ti faccia da guida!” (Tb 5,3) oppure nel libro di Samuele quando Samuele si sente chiamare, ma non capisce che è il Signore a chiamarlo, sarà poi Eli a spiegarglielo e a istruirlo su come rispondere alla chiamata. Però, se è vero, che il Padre Spirituale non è una scelta, ma un dono è altrettanto vero che bisogna stare attenti a chi si propone come Padre Spirituale. Infatti questo non è un compito facile, ma è carico di responsabilità e se qualcuno si propone come vostro Padre Spirituale forse non ha ben chiaro questo o forse ha frainteso cosa comporta questo ruolo. Dobbiamo invece fidarci di chi Dio ci fa incontrare e di chi ci mette accanto, dobbiamo essere noi a chiedere, a chi individuiamo, se vuole essere il nostro Padre Spirituale. Non deve essere per forza una persona che la pensa come noi, certamente deve essere una persona con cui noi ci sentiamo a nostro agio o meglio, da cui non ci sentiamo giudicati, ma se poi ci accorgiamo che la pensa diversamente da noi questa può essere una grande ricchezza non una mancanza. Vera Madre e Padre Spirituale di ognuno di noi è la Chiesa, ma all’interno della Chiesa ci sono persone che esercitano in particolare questo carisma, allora possiamo scegliere una di queste persone seguendo un impulso dello Spirito Santo o un segno di Dio (il fatto stesso che ci faccia incontrare una persona, ad esempio). Davanti al nostro Padre Spirituale dobbiamo essere umili e veri, lasciandoci guidare sulla via della fede cristiana, ma avendo ben presente che è un Padre Spirituale non uno psicologo né, tanto meno, uno psichiatra, quindi se abbiamo bisogno di un aiuto medico specialistico non è dal Padre Spirituale che lo possiamo ricevere. Certamente un Padre Spirituale è anche un po’ psicologo, ma nel senso che sa come parlare a chi ha di fronte, questo sopratutto grazie allo Spirito Santo che è in lui, non è invece uno psicologo in senso medico. Al Padre Spirituale si può raccontare qualunque dubbio ci angustia ed egli cercherà di illuminarci, ci spronerà, ci rimprovererà anche, ci guiderà fino a che arriverà il momento in cui noi saremo cristiani completamente autonomi capaci di camminare nella fede da soli. Questo è importante perché altrimenti si corre il rischio di appoggiarsi sempre al Padre Spirituale e allora, invece di essere una figura che aiuta a crescere (come accade col padre naturale che ti educa per essere uomo completo), finisce con l’essere una figura a cui ci si appoggia sempre e comunque, per ogni scelta, impedendo così una nostra reale crescita. Ricordiamoci che anche il Padre Spirituale è una persona e magari, ogni tanto, anche lui ha voglia di raccontarci qualcosa, di sfogarsi, quindi non dobbiamo avere paura di chiedere di lui, della sua salute. In questo modo, piano piano, egli diventerà un amico perché intanto noi avremo imparato a camminare da soli, ad essere cristiani pienamente maturi.

samuele“Ora Samuele non conosceva ancora il SIGNORE e la parola del SIGNORE non gli era ancora stata rivelata. Il SIGNORE chiamò di nuovo Samuele, per la terza volta. Ed egli si alzò, andò da Eli e disse: «Eccomi, poiché tu mi hai chiamato». Allora Eli comprese che il SIGNORE chiamava il bambino. Ed Eli disse a Samuele: «Va’ a coricarti; e, se sarai chiamato ancora, dirai: “Parla, SIGNORE, poiché il tuo servo ascolta”».” (1Sam 3, 7-9)

Il crocevia delle molte strade era famoso in tutta la regione perché da lì si potevano raggiungere un po’ tutte le località del regno. Nel crocevia si incrociavano otto sentieri e qualunque si seguisse si sapeva che da lì a poco si sarebbe biforcato e poi biforcato di nuovo e così via, per permettere di andare in qualunque direzione si desiderasse. Era un crocevia importante, ma anche pericoloso, perché se non si conosceva la strada si rischiava facilmente di perdersi e viaggiare di notte, da soli, non sempre era piacevole oppure scoprire di essere ben lontani da dove si voleva arrivare poteva demoralizzare anche gli animi più forti. Seduto, al centro del crocevia stava un vecchio. Era lì da molto, molto tempo, da così tanto tempo che nessuno sapeva ormai da quanto. Non parlava quasi mai, ogni tanto qualcuno si recava da lui e gli lasciava qualcosa da mangiare o da bere. Il vecchio accettava con gratitudine il dono e si limitava a dare qualche consiglio a chi glielo chiedesse. Le sue, rare, parole erano diventate leggendarie, si diceva che sapesse colpire direttamente nei cuori, che leggesse il futuro e che avesse poteri divini. Naturalmente non era vero, si trattava solo di un uomo che aveva deciso di fermarsi per guardare la gente che passava e che aveva imparato dalla vita una saggezza che tutti possedevano, ma che quasi tutti avevano dimenticato. Il ragazzo camminava lentamente, guardandosi intorno con uno sguardo misto tra la meraviglia e lo sconforto, quando vide il vecchio sembrò illuminarsi, rimase titubante per un po’, poi gli si avvicinò e gli chiese a bruciapelo: – Buongiorno, mi chiamo Filippo, posso disturbarla un attimo?

– Certo, ragazzo mio, tutto il tempo che desideri, io non ho fretta – rispose il vecchio sorridendo.

– Ecco, mi perdoni, ma avrei davvero bisogno di parlare con qualcuno, le andrebbe di ascoltarmi?

– E’ uno dei motivi per i quali ho scelto di stare seduto qui, poter ascoltare la vita e le persone che la vita porta con sé… di cosa vuoi parlare?

– Di recente ho scoperto Cristo. Ho scoperto la sua bellezza, la sua verità, anche la sua concretezza… Oh, mi intenda, ne avevo già sentito parlare spesso, ma fino ad ora pensavo fosse un’idea astratta o qualcosa da pregare nei momenti veramente più bui, invece, per puro caso ho trovato delle persone che mi hanno aperto gli occhi e mi hanno fatto vedere come Egli sia vivo e vero in ogni momento in mezzo a noi…

– Mi sembra sia una gran bella cosa, è questo che ti angustia?

– No, mi preoccupa il fatto che finché stavo con queste persone tutto mi sembrava chiaro e semplice, ma poi quando sono tornato a vivere la mia vita le difficoltà non hanno tardato a farsi sentire.

– Che tipo di difficoltà?

– Le idee dei colleghi di lavoro, degli amici, idee radicate su cui è difficile confrontarsi senza una preparazione e idee che alle volte sono solo pregiudizi, ma a cui non sai cosa rispondere. Poi le abitudini che pian piano ti avvolgono in un torpore che ti fa dimenticare cosa è giusto e cosa no, senza tener conto di quando è davvero difficile capire cosa è giusto fare… non so se riesco a spiegarmi… ma è ciò che mi si agita dentro…

– Credo di aver capito, mi sembra che tu abbia bisogno di un qualcuno con cui confrontarti, qualcuno che abbia la tua stessa fede, ma che in essa sia più avanti, che ti faccia da guida, ma anche da sprone.

– Esatto, ha capito perfettamente! Vuole essere lei questa persona?

– Ne sono lusingato, ma credo di non essere adatto. Mi piace stare qui e posso ascoltare e indicare anche una via a chi me la chiede, ma per quello che serve a te credo serva un uomo di Dio, un consacrato.

– Un prete?

– Sì, ma non solo, anche una suora o un frate o un monaco… qualcuno che, nel cammino di fede sia più avanti di te.

– Qualcuno che mi dica cosa fare, sì!

– Attento però, deve essere sicuramente una persona che ti indichi la via, ma il tuo obiettivo deve essere quello di imparare a scegliere da solo, diventare maturo, non appoggiarti sempre e comunque.

– Sì capisco, avete ragione. Ma dove posso trovare una figura così?

– Di solito i consacrati si trovano nei luoghi di Dio, nelle chiese, io direi che potresti provare nella tua parrocchia, no?

– La mia parrocchia? – il ragazzo scosse la testa – No, conosco il prete di vista e non mi sembra granché in gamba… e poi la mia parrocchia è noiosa, non fanno mai nulla di interessante… invece ho sentito parlare di un convento di frati molto attivo forse potrei provare a chiedere lì.

– Decidi tu, come preferisci, ma forse se quella è la tua parrocchia – e il vecchio calcò la voce sulla parola “tua” – c’è un motivo, non pensi? Se davvero credi che il Signore ti parli nella vita di tutti i giorni pensi che nella tua parrocchia non abbia nulla da dirti? Io partirei da lì…

Il ragazzo rimase in silenzio un po’ poi disse: – Forse avete ragione, ma sinceramente mi costa tanto andare a chiedere una cosa del genere al mio parroco e non credo sia neanche in grado…

– Quindi, secondo te, Cristo ti chiede solo cose che costano poco? – Il giovane abbassò il capo e il vecchio proseguì – E tu hai già deciso che il tuo parroco non è in grado di essere un padre spirituale senza neanche conoscerlo? Solo per una prima impressione? Magari hai ragione, magari hai torto o magari lui saprà dove indirizzarti meglio di me, ma di una cosa sono sicuro, che, per fortuna, Gesù non giudica a una prima impressione, si ferma a guardare il cuore, ad ascoltare ciò che l’animo ha da dire.

– Avete ragione… – il giovane teneva la testa bassa – mi costa e mi costa parecchio, ma farò come dite, perché il sentiero di Cristo è molto concreto, ma non è roba da poco… – e così dicendo si alzò, salutò calorosamente e si allontanò. Il vecchio lo fissò finché non sparì dietro uno degli alberi più grandi, poi tornò a guardare il crocevia.

Tag: , , , , , , , , , ,

58 Risposte to “Chi è il Padre Spirituale?”

  1. sonia Says:

    che dire…..è un racconto molto bello
    una bella emozine leggerlo……

  2. daniela Says:

    non è un semplice racconto è pura verità,io devo ringraziare e lodare DIO in ogni istante delle mie giornate per avermi dato gratuitamente un sacerdote,che per me è anche amico,padre è tutto…il padre spirituale è una prsona che ti cambia la vita,a me la cambiata e se oggi sono poco migliore di ieri è solo grazie al mip padre spirituale,veramente sebra di stare in presenza con GESU’..va ascoltato e soprattutto lo si deve obbidere,all’inizio per me non è stato facile seguire tutti i suoi consigli…consigli che mi rimettevano sulla giusta via,sulla volontà del SIGNORE,ma oggi è tutto cosi’ naturale non riuscirei mai a non dar retta ai consigli del mio buon papà che con tantissima dolcezza ,amore mi fa camminare dritta e mi fa capire tantissime cose,…QUINDI GRAZIE MIO SIGNORE PER AVERMI DATO QUESTO GRANDE PADRE SPIRITUALE CHE NON MI PERMETTE DI SBAGLIARE VERSO DI TE…GRAZIE

    • Davide Galati Says:

      Grazie Daniela per la tua testimonianza e lode al Signore per ciò che ha fatto e fa nella tua vita! Che il Signore ti sorrida sempre.

  3. Marta Oro Says:

    Anch’io ringrazio ogni giorno io Mio Signore per avermi donato il mio padre spirituale… è un punto di riferimento fisso nella mia vita e spero che continui così nell’accompagnarmi verso Cristo!!! Che il Signore lo benedica…

  4. lorenzo Says:

    Si, condivido i commenti di tutti. Io posso testimoniare, che ogni giorno si verificano tanti eventi, tanti segni, tanti messaggi, che pultroppo non sempre siamo in grado di comprendere e di decifrare, ma se siamo vigili e ci sforziamo di considerare le cose più banali, le cose che possono sembrare insignificanti all’ apparenza e gidicandoli con il cuore, ci rendiamo conto di quanto e grande la mano di DIO e di quanti doni riceviamo in ogni momento della nostra vita.
    Oggi la curiosità di sapere qualcosa di più a una parola che ultimamente mi girava per la testa e si faceva notare dai miei occhi, ho sentito la necessità di aprire, questa pagina e sia io che mia moglie abbiamo trovato tante risposte a perplessità che ci portavamo dentro da un pò di tempo a questa parte.
    Grazie mio DIO di avermi dato la fede, perchè solo con la fede possiamo comprendere, quanto e GRANDE L’AMORE IN TE.

    • Davide Galati Says:

      Grazie per la tua testimonianza e rendiamo grazie al Signore se questo blog porta qualche buon frutto perché è tutto merito Suo. Buon Natale a te e alla tua famiglia

  5. maria Says:

    anche a me molti anni fa il Signore nostro Dio volle farmi il DOno di un Padre Spirituale Santo. A Gesù che attraverso di Lui mi ha curata guarita e guidata e cura guarisce e guida, devo TUTTO.
    In rete trovate il libro gratuito “COMPITO IN…CLASSE” che Gesù stesso mi fece scrivere nel 2006
    Uno dei due Sacerdoti che lo presentano è il mio Padre Spirituale.
    Adesso Lui è molto ammalato e mi manca moltissimo, e mi sento un ingrata perchè non Gli sto vicina nemmeno con la Preghiera come desidererei, ma siccome lo amo molto, Gesù ha fatto così per il mio bene, diversamente, starei malissimo e Gesù non vuole che noi stiamo male. Lui poi è molto molto riservato e a me non piace fare molte domande, per cui questo gravissimo male nemmeno avevo vcapito che male fosse. Ciò fa parte del mio carattere, discreto e rispettoso. Però ripeto anhe se so che è una Grazia di DIo questo distacco, io mi sento una vera ingrata, voglio molto bene al Santo Padre a cui Gesù mi ha affidata, però non riesco a considerare nessuno di noi, nemmeno me stessa e nemmeno il mioPadre Spirituale (che ripeto pur AMo tantissimo) più di un involucro dove Dio stesso agisce e quindi a qusti involucri nemmeno bisogna attaccarsi più di tanto, perchè presto li lasciamo e se non ci abituiamo a lasciarli con distacco, non potremo mai raggiungere Dio nell’altra dimensione, cioè faremo molto più purgatorio, francamente Gesù che non vede l’ora si stringerci al Suo Cuore per mezzo di Maria nostra Madre, e quindi di Sposare le nostre anime (da Lui recuperate e ripulite e istruite) , ci risparmia quanto più può, quindi sta a noi capirlo ed accoglierlo e distaccarci da tutto e da tutti anche dall’INVOLUCRO SANTO E PREZIOSO ATTRAVERSO IL QUALE EGLI STESSO CI PARLA AMA E PERDONA E GUARISCE GUIDANDOCI ALLA TERRA PROMESSA.
    maria da Napoli

  6. maria Says:

    “COMPITO IN…CLASSE” si scarica GRATIS DA http://www.credenti.it
    è la RISPOSTA DI DIO AL CODICE DA VINCI, UNA GUIDA, UNO SPECCHIO. LETTO D CIRCA 15000 SENZA CHE NESSUNO NE ABBIA MAI PARLATO DA AGOSTO 2007 TEMPO IN CUI FU MESSO IN RETE

  7. maria Says:

    DAVIDE MA TU SEI UN SACERDOTE?

    • Davide Galati Says:

      No, sono un laico, tra l’altro sposato da pochissimo (l’8 dicembre scorso, il giorno dell’immacolata, come potrai vedere leggendo sul sito), sono laureato in Filosofia, con un percorso di studi e una tesi in Storia delle Religioni. Auguroni di nuovo per questo 2010!

  8. marisa Says:

    anch’io ho avuto ed ho questo dono,un padre spirituale! il rapporto si è creato a poco a poco con amore e pazienza da parte sua e con molta lotta da parte mia.lotta con me stessa ed anche con lui,finalmento ho perso, mi sono dichiarata vinta! il Signore è il mio vincitore! il mio padre spirituale è pieno di Spirito Santo è possiede la forza e la tenerezza di Dio. lo raccomando al Signore,lo benedico,prego Dio che ampi sempre di più il suo apostolato in modo che altri miei fratelli siano accompagnati nella via del Signore con mano sicura,con amore,tenerezza e tanta tanta pazienza.

  9. Maria Christina Says:

    Mi parlarono di lui, in un momento di grande tristezza. In un primo momento non ci volevo andare, poi me lo sono imposta dicendomi che non ci sarei più tornata. Da quel giorno sono passati tre anni. E’ diventato il mio caro padre spirituale. Sono cresciuta con lui: ero un pulcino e in lui ho trovato il mio nido. L’amore che mi dona, il suo esempio ed il suo modo di essere anche severo quando c’è bisogno, mi ricordano che dietro al suo modo di agire c’è sempre Gesù.
    Ho fiducia in lui e contraccambio il suo amore con l’ubbidienza, la preghiera e naturalmente con tutto il mio affetto.

  10. Cristina Says:

    Ho da poco “riscoperto” il piacere di andare in chiesa, di pregare, o meglio di imparare a pregare, di leggere libri che parlano della pace del cuore e tutto grazie al nuovo parroco arrivato in parrocchia. Dalle sue omelie, dalle sue parole mi sto scoprendo persona diversa e sento il desiderio di poter approfondire, di avere chiarimenti, indicazioni. Ho letto che esiste la figura del padre spirituale, che non viene scelto ma indicato dallo Spirito Santo. Mi sono chiesta se questo sacerdote potrebbe essere stato inviato quale mio padre spirituale. Mi sento attratta da lui, sento che tramite lui posso fare del bene, sento dentro di me una forza che mi dice di seguirlo, di ascoltarlo. Mi sento anche tanto confusa. Mi potete dare un consiglio?

    • Davide Galati Says:

      Ciao Cristina, intanto benvenuta su questo blog. Quello che racconti è bellissimo, quando si scopre Cristo, quando lo si scopre davvero l’amore per Lui cresce in maniera esponenziale. La figura del Padre Spirituale è però importantissima, per evitare di fare da soli e sbagliare. Il consiglio che mi sento di darti e di parlare apertamente col tuo parroco e di chiedere consiglio a lui, ricordati per sempre che, per quanto la persona possa essere affascinante e brava è il Cristo che parla attarverso di lui che noi dobbiamo amare, non la persona.
      Un abbraccio e che il Signore ti sorrida sempre.

      • Anonimo Says:

        Grazie Davide per il consiglio, avevo già l’intenzione di parlarne con il mio Don, devo capire come farlo. Le tue parole hanno colto la mia perplessità. Sono una persona che quando deve parlare con qualcuno di qualcosa d’importante non riesce ad esprimersi come vorrebbe perché tanti sono i pensieri che frullano nella testa e si lascia coinvolgere emotivamente. A volte mi capita di parlare e poi, da sola, penso “avrei potuto dire o rispondere in questo modo”. Sono riflessiva e quindi mi piace ponderare le parole.
        Il mio Don mi ha regalato il libro “La pace nel cuore” di Jacques Philippe. Dopo averlo letto, sottolineato, ripreso in mano, riletto in certi punti, per cercare di fare miei certi pensieri, certi concetti, desideravo approfondire questa tematica. Ho cercato altri libri e navigando ho trovato le pagine dove hai parlato del padre spirituale e di come si può raggiungere la pace del cuore, riferendoti al libro che ho letto. Ho avuto modo di leggere alcuni dei racconti del crocevia e volevo ringraziarti perché con semplicità e chiarezza riesci a comunicare con le persone e ad arrivare dritto al cuore.
        Un abbraccio anche a te.

        • Davide Galati Says:

          Grazie a te, sono contento se quello che scrivo serve a qualcuno, ma il merito non è mio, bensì dello Spirito Santo. Mi piacerebbe che questo sito fosse conosciuto di più, perché mi piacerebbe che Cristo fosse conosciuto di più, Cristo com’è davvero…
          Che il Signore ti sorrida sempre.

  11. Danila Says:

    Salve, sono di Roma, mi hanno detto di cercare un Padre spirituale che possa aiutarmi in un percorso spirituale che ho intrapreso. Non so come iniziare, a chi rivolgermi, so che nelle abbazie ci sono, ma attualmente non mi posso spostare molto da Roma. Sapete indicarmi qualche chiesa o comunque un sacerdote che fa questo?
    Grazie in anticipo.

    • Davide Galati Says:

      Ciao, io non sono di Roma, però il consiglio che mi sento di darti è quello che dico nel blog, vai nella parrocchia dove abiti e parla al tuo sacerdote del tuo desiderio di avere un Padre Spirituale (che è un persona più avanti di te nella fede, non un ruolo specifico all’interno della Chiesa), credo che lui saprà sicuramente aiutarti. A Roma poi so che è molto bravo Don Fabio Rosini, parroco a Santa Francesca Romana dove fa anche dei bellissimi corsi di catechesi (uno su tutti quello sui 10 comandamenti).
      Spero di esserti stato utile, che il Signore ti sorrida sempre.

  12. marco Says:

    …..DIO una parola che mi mette in difficoltà solo il pensare di scrivere il suo “nome”. si sono ancora lontano da Lui ma posso dirvi che spero di avere del tempo per rimediare,mi sento come aver riacquistato la vista,comincio a credere nella sua reale e concreta esistenza dentro e fuori di me.la mia passine per l’elettronica avendo 40 anni mi ha portato a conoscerlo assieme naturalmente le scelte errate e non fatte quotidianamente….vi abbraccio tutti in Cristo.

  13. giuliana Says:

    Ciao, mi chamo Giuliana…ho sempre avuto fede in Dio, ma ero un pò lontana dalla chiesa.
    Oggi ringrazio Dio che mi ha permesso di avvicinarmi alla chiesa e a Lui in modo più deciso, con una presenza maggiore.
    Sono accaduti vari avvenimenti nella mia vita che in alcuni momenti mi hanno fatto pensare che Dio mi avesse abbandonato….solo ora capisco che niente accade per caso e che Lui da lassù ha fatto in modo che la mia vita, il mio cuore e la anima venissero donati a Lui.
    Tutto ciò grazie a un Padre che ho conosciuto e a un frate che a breve diventerà Padre anche Lui…da quando sono entrati a far parte della mia vita sono cambiata e come se Dio li avesse messi d’avanti ai miei occhi e io dovevo scegliere: ho scelto loro…Dio.
    Spero facciano parte della mia vita per sempre: li considero le mie guide…infatti, oggi Dio ha scelto il mio padre spirituale;Padre Orlando senza che glielo chiedessi esplicitamente, anche se lo desideravo, mi ha detto di voler diventare il mio padre spirituale…mi ha letto nel cuore…Dio ha letto nel mio cuore e non poteva farmi dono più grande.

  14. maria Says:

    ciao Davide, non ho più un Padre spirituale il Signore li dona e poi se li riprende, ma il Padre Spirituale serve perchè impariamo a farne a meno, solo che quando Lui te lo toglie è come quando perdi tua madre che t partoria allattata e cresciuta, continui a piangere per tutta la vita e ti mancherà sempre e senza di lei non ti senti mai al sicuro neanche se hai novantanni, e quando ci pensi, sempre le lacrime rigano il tuo viso.
    Buon Natale e buon anno a tutti
    Maria

  15. Stéphanie Says:

    Davide grazie per questo blog in Cristo.Condivido pienamente i commenti dei miei fratelli e sorelle sulla tua chiarezza narrativa, è sicuramente un grande dono dello Spirito Santo, e ciò avviene grazie alla tua disponibilità come strumento di Dio.Quindi grazie per il tuo metterti a servizio di Dio. Questa pagina del tuo blog la indicherò ai miei fratelli e sorelle di cammino che, come me, hanno dubbi e perplessità sulla scelta del loro padre spirituale. Anch’io, come te, mi auguro che il tuo blog sia sempre più visto in modo da far conoscere la Grandezza e la Semplicità di Nostro Signore Gesù. Anche a me si è presentato il momento della importante scelta del Padre spirituale e non ti nego la mia difficoltà nel trovarlo. il Signore mi ha fatto il dono di due sacerdoti in gamba, entrambi validi come Padre spirituale ma tra loro completamente diversi. Quando sembra che ho finalmente preso una decisione ecco che una voce sottile del mio cuore mi sussurra il nome dell’altro, e vado avanti così da un pò ormai. Padre A. è un uomo di grande fede, molto umile e con il carisma dell’introspezione, pronto ad ascoltarti anche per ore, Don V. è anche lui un uomo di grande fede, un pò burbero e molto pratico, Per carattere mi viene da scegliere Padre A. anche perché ogni volta che mi ha parlato ho riscontrato la veridicità delle sue parole, ma Don V. grande predicatore ed evangelizzatore, mi è stato donato da Dio. la sua parrocchia pullula di gente dai giovani ai meno giovani e ci sono molti percorsi di crescita spirituale .Attraverso di Lui il Signore mi sta guidando sul mio essere “umano” alla luce di Dio.Insomma la scelta del mio Ananìa è più difficoltosa del previsto. So che solo continuando a pregare Gesù avrò la risposta nella scelta. Casomai, quando questa scelta sarà avvenuta, condividerò con voi il “come” l’ho scelto, secondo quali segni. Un abbraccio in Cristo. Stéphanie

    • Davide Galati Says:

      Grazie davvero, di cuore Stéphanie, grazie perché condividi con noi una cosa bella e grazie anche, personalmente, perché leggi questo blog e grazie anche al Signore perché permette che quello che scrivo serva a qualcun altro. Tienici aggiornati e confida sempre nel Signore. Che il Signore ti sorrida sempre!

  16. credenti@libero.it Says:

    Stephanie, è Gesù che sceglie per noi la guida Spirituale, è Lui che scegli il Suo strumento, ha ragione Davide, fidati di Dio, Lui non sbaglia mai.
    T abbraccio in Cristo e in Maria

  17. Federica Says:

    Caro Davide…. che dire…il tuo blog è molto interessante…il Signore ci fa sempre grandi doni.

    Volevo condividere l’importanza di avere un proprio Padre Spirituale… dopo il matrimonio con Nicola -aiutati- abbiamo capito che per la nostra coppia e la nostra persona era indispensabile avere un riferimento cristiano.
    E così abbiamo provveduto.
    La bellezza di questa “persona” è che inizi un percorso senza maschere…e vedendo in lui il Signore ti confidi come ad un padre..
    Le fatiche, le tentazioni, i fallimenti…ma anche condividere la gioia dell’amore di Dio…. e il fatto di essere la sua figlia prediletta…e che per me ha in mente sicuramente grandi progetti che ad oggi non conosco….ma faccio un atto di fede
    Essendo Padre Spirtuale anche di mio marito abbiamo la fortuna che il Don fa il tifo per la nostra coppia

    …. è troppo figoooo….

    Una benedizione speciale a Te e alla tua family…un abbraccio
    F.

  18. chicca Says:

    da meno di un mese ho un padre spirituale. dopo 10 anni di vita vissuta senza Dio, adesso…grazie all’aiuto del mio ‘don’ sto tornando sulla retta via.
    non è semplice, per nulla. ma…ci sto provando
    e questo blog ed il sacerdote che mi sta seguendo…tutto è più semplice

  19. credenti@libero.it Says:

    DAVIDE SONO MARIA, IL SIGNORE VUOLE CHE NOI SAPPIAMO CHE IL PADRE SPIRITUALE è LUI STESSO, NASCOSTO NELLA NUBE, LA NUBE è IL SACERDOTE O CHIUNQUE LUI SCEGLIE PER GUIDARCI, LA COSA CHE PIù CONTA E CHE MAI DOBBIAMO DIMENTICARE è CHE DIETRO A CIASCUNA NUBE, PARTENDO DAI NOSTRI GENITORI, CHE SONO LA PRIMA GUIDA SPIRITUALE DELLA NOSTRA ESISTENZA, A SEGUIRE, NELLE VARIE FASI DELLA VITA, QUELLI CHE A LORO SI AFFIANCANO, COME GLI INSEGNANTI A SCUOLA I SACERDOTI ECC ECC, QUINDI CHI CI SEGUE E INDIRIZZA AL BENE NELLA VITA, ALTRO NON SONO CHE LA NUBE ATTRAVERSO LA QUALE EGLI STESSO NELLE SUE TRE DIVINE PERSONE CI ISTRUISCE GUIDA CORREGGE E SEGUE.
    NON SCORDIAMOCI MAI CHE LUI è L UNICO PADRE, L UNICO DIO, L UNICO FRATELLO E L UNICA MADRE, NASCOSTO NELLE NUBI NON CI LASCIA MAI UN SOLO SECONDO, LUI è UN DIO PAZZO D AMORE PER OGNUNO DI NOI SUOI FIGLI, DI TUTTI DAVIDE, MA TU LO SAI BENE,(NON DISPREZZA NULLA DI CIO CHE HA CREATO ED è MORTO PER TUTTI) E TREPIDA E LOTTA CON E PER NOI E AL NOSTRO FIANCO, FINO ALLA FINE DELLA NOSTRA ESISTENZA SPERANDO CHE GLI DIAMO RETTA E CI SALVIAMO, STA A NOI STARE ATTACCATI A LUI ATTRAVERSO LA SANTA VERGINE E SAN GIUSEPPE, CON LANGELO CUSTODE,E ESSERE ATTENTI, UBBIDIENTI E EDUCATI AFFIDANDOCI A LUI ATTRAVERSO I VARI REFERENTI AI QUALI CI AFFIDA DURANTE LA VITA, PARTENDO DAI GENITORI E VIA VIA A TUTTI GLI ALTRI. DOBBIAMO RESTARE ATTACCATI A CRISTO PUR NELLE NOSTRE QUOTIDIANE AZIONI E FUNZIONI AFFINCHè NESSUNO POSSA MAI TRAVIARCI E FARCI PERDERE. E ESSERE SEMPRE RISPETTOSI VERSO LA SANTA MADRE CHIESA E TENERE A MODELLO IL SANTO PADRE CHE è PER NOI LA PRIMA E VERA TRASPARENZA DEL CRISTO RISORTO.
    CON AFFETTO A TUTTI I MIEI FRATELLI E SORELLE DEL MONDO INTERO
    GRAZIE DAVIDE DEL TUO BELLISSIMO SITO

  20. stella Says:

    –salve,io sono stella e sto vivendo una situazione non bella che mi causa molto dolore.il mio padre spirituale non risponde più alle mie lettera.non ho fatto nè scritto mai nulla di male ,ma dall’ultima lettera in cui gli dicevo di aver scoperto una cosa bellissima,l’amore di Dio Padre,lui non mi ha risposto più.ho lasciato passare alcuni mesi e poi gli ho riscritto chiedendogli dove avessi sbagliato,l’ho pregato di dirmelo così non avrei sbagliato più,ma null,solo il suo silenzio.Non sentire più il padre spirituale è come interrompere un filo diretto con Dio e tutto ciò mi fa sentire molto male.C’è qualcuno che mi potrebbe dire il perchè di questo suo comportamento?Ha forse un significato pedagogico?
    Grazie
    Stella———————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————–

    • fe.chicca@tiscali.it Says:

      ciao stella….,
      posso capire la tua preoccupazione o meglio delusione, ma forse qualcosa è capitato al Tuo padre spirituale…senza allarmismi..ma magari non sono arrivate le lettere…oppure è in pellegrinaggio….
      Sta di fatto che il filo diretto che hai trovato è strettamente con Dio…tu e Lui….
      La figura del Padre Spirituale è un aiuto …., ma dobbiamo camminare con le nostre gambe e soprattutto con Dio.
      Anche il mio padre spirituale a volte c’è e a volte non c’è…ma perchè ha una parrocchia da seguire e pertanto ….è sempre occupato, ma la mia Fede non viene meno….anzi…..
      perchè non provi a pregare per il Tuo Padre Spirituale ????
      Vedrai che arriveranno le risposte…con la preghiera….
      Buon cammino cara….
      F.

    • Davide Galati Says:

      Ciao Stella, anche io condivido quanto dice Federica, sei proprio sicura che non ci siano delle banali motivazioni pratiche per cui il tuo Padre Spirituale è impossibilitato a risponderti? E in ogni caso ricorda sempre che la funzione di questa figura è quella di aiuto e alle volte il miglior aiuto può essere proprio l’essere lasciati soli… e poi prova davvero a fare come dice lei, prega per lui.
      Ciao e facci sapere, se vuoi, come va.

  21. simona Says:

    Buonasera .Sono molto lusingata di leggere queste Testimonianze .Io sono alla Ricerca di un Padre Spirituale ( sento in Me , questa Forza , questa bellezza),vivo a Firenze e Sinceramente non Conosco Nessuno o forse non cerco.In me ce il Desiderio di Migliorare in Tutto non voglio rimanere nell’ombra DESIDERO la LUCE . Certa di una Vostra Risposta Cordiali Saluti

    • Davide Galati Says:

      Ciao Simona, scusami il ritardo, ma ho chiesto un consiglio a un amico francescano che è a Firenze e mi ha detto che a Firenze ci sono due conventi (p.za savonarola e p.zale Michelangelo), un altro è a Fiesole (in via s. Francesco 13) se vuoi avvicinarti alla spiritualità francescana credo che queste siano le porte migliori dove bussare, però mi ha detto anche che ci sono tanti bravi sacerdoti diocesani che si dedicano all’accompagnamento e infine di non dimenticare che il ruolo di accompagnatore può farlo anche una donna, quindi le Clarisse di Firenze al Monastero s. Agnese (zona Careggi, via di Rufignano) o quelle di s. Casciano val di Pesa (p.za ss. Francesco e Chiara) possono essere un validissimo aiuto.
      Spero di esserti stato d’aiuto. Che il Signore ti sorrida sempre.

  22. Emma Says:

    Ciao, che bello leggere tante testimonianze.
    Anche io vorrei tanto avere un padre spirituale, vorrei potermi confidare con qualcuno così vicino a Gesù; ma come trovarlo? Ho paura di fare il primo passo e chiedere a un sacerdote “Puoi essere il mio Padre Spirituale?”
    Mi dareste qualche consiglio?

    • fe.chicca@tiscali.it Says:

      Consiglio ???? non sono brava a darne..però Ti posso portare la mia testimonianza….
      Intanto….per trovare qualcuno bisogna cercare e chiedere al Signore aiuto e discernimento per identificare il Padre più adatto a noi.
      Poi… bisogna fare il primo passo….già…ma è un bel passo non deve mettere paura…proprio no…anzi ci deve essere entusiasmo…anche perchè secondo me un sacerdote quando sente una tale richiesta…il suo cuore diventa ancora più bello…perchè ..è arrivata una figlia/o spirituale…..non è fantastico…quindi forza…. e vedrai che bello avere anche un Padre Spirituale….bacioooo e W Gesù

  23. patrizia Says:

    avevo gia’ lasciato un commento e chiedevo se nella mia zona modena precisamente fanano ci fosse la possibilita’ di trovare un padre spirituale ne ho bisogno è tanto che provo a cercare ma non riesco a trovare mai la persona che mi riesca ad aiutare nel mio cammino grazie
    p

  24. patrizia Says:

    Io purtroppo non ho ancora un padre spirituale e ho chiesto diverse volte alla suora se mi porta dal suo pero’ non capisco perchè non troviamo mai il giorno per recarci da lui ma come dico sempre sara’ quello che vuole il signore , mi ha regalato tante cose in questi anni per farmi capire quanto sia grande il suo amore ,mi ha dato l’opportunita’ di recarmi prima a lourds , e poi a medjugorie dove dalla prima volta ad aprile 2011, mi ci sono recata gia tre volte e devo dire che quando sono in quel luogo la pace entra nel cuore e mi sento amata e le mie angoscie di tutti i giorni spariscono, purtroppo a casa quando si torna a poco a poco nel quotidiano riaffiorano i problemi , e ricomincio a sentirmi in colpa perche corri e corri manca il tempo per fermarti a parlare con il signore di tutto a trovare il momento per quello che deve essere fatto per avere la pace nel cuore ,mi chiedo tante volte perchè non riesco ed ho bisogne di risposte su tanti quesiti ma grazie per il racconto , è quello che penso anche io ho bisogno di qualcuno che mi spieghi .ecco quanto lasciato l’altra volta
    Lascia un Commento

  25. francesca Says:

    vorrei trovare anche io un padre spirituale

  26. salvo Says:

    per caso sono arrivato qui,,,, su questo blog,,, e per caso sto riscoprendo tante cose… Ho conosciuto un parroco, che ha intrapreso con noi il percorso di preparazione al matrimonio, poi ci siamo allontanati per un anno,,,,ma siamo stati colpiti e richiamati nella fede, sia io sia mia moglie,,, oggi abbiamo una figlia, e prima che arrivasse siamo stati richiamati,,,, sempre nello stesso luogo,,, e debbo dire prima io che mia moglie,, e ci siamo riscoperti nuovamente,,,, e spero definitivamente,,,, sentiamo come l’esigenza di tornare a messa la domenica,,,,e se non celebra lui la S Messa e’ come se per una settimana e’ venuta a mancare qualcosa,,, non so se puo’ essere lui il padre spirituale,,,, ma sento tanto,,,,e ieri in glielo ho detto per la prima volta,,,,, che e’ grazie a lui che che sento che qualcosa cambia positivamente per la mia famiglia… grazie per questo blog….buona Pasqua di passione e di rinascita,,,

    • Davide Galati Says:

      Grazie a te Salvo e grazie al Signore Gesù. Non so dirti neanche io se questo sacerdote può essere il tuo (o il vostro) padre spirituale, ma è sicuramente un ottimo punto di partenza, lui saprà seguirvi ed eventualmente indicarvi chi può essere il vostro (o tuo) padre spirituale.
      Che il Signore ci sorrida sempre e buona Pasqua di Resurrezione anche a voi.

  27. silvia Says:

    Ciao! Complimenti per questo blog mi ha dato tante informazioni importanti ed e’ veramente bello da leggere!! Da qualche mese mi son riavvicinata alla Chiesa. Ho conosciuto un parroco le cui omelie mi hanno colpita nel piu’ profondo di me. Con lui ho sentito l’esigenza di tornare, dopo anni, a vivere la Confessione senza ansia e senza timore. Qualche giorno fa gli ho finalmente chiesto la direzione spirituale. E’ molto impegnato x cui gli ho buttato la’ la cosa dicendogli che potevamo iniziare anke tra qualche mese, in base alle sue disponibilita’. Sapete che mi ha risposto lui? “Queste sono le cose importanti..tutto il resto sono cose amministrative che possono aspettare. Vieni martedi’?” Inutile dire che queste parole non le dimentichero’ facilmente. Dopodomani inizio e.. Non vedo l’ora!!

  28. salvo Says:

    e ieri finalmente dopo che gli ho parlato per un’ora…. ci siamo detti una serie di coincidenze,,,,sia io per lui sia sopratutto lui per me,,,, per noi,,,, e dopo che mi ha raccontato di Don giussani e del padre spirituale,,,,,,vi e’ stata una comune visione,,,,, GRAZIE A DIO PER AVERLO POSTO SUL MIO PERCORSO,,, auguro una simile esperienza anche a voi tutti,,,,

  29. Anna Says:

    Mi piacerebbe leggere il libro “compito in classe” ma non lo trovo nemmeno attraverso il sito indicato. potreste aiutarmi?
    Grazie.

    • Davide Galati Says:

      Ciao Anna, non so se qualcuno che legge può aiutarti, io proverò a cercare, ma tu, hai maggiori informazioni su questo libro? Chi sono l’autore e la casa editrice ad esempio?

  30. Giancarlo Says:

    io sono di serricciolo, mi aiutate a trovare un padre spirituale, non sono in difficoltà, ma lo è il mondo e vedo in me un grande potenziale per tutta l’umanità. Ma ho bisogno di autodiscpilina e qualcuno che mi indirizzi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: