E gli atei?


Il più grande dono che ci ha fatto Dio è quello della libertà, libertà anche di rifiutarlo, di non credergli, quindi se qualcuno decide di non credere nella sua esistenza è liberissimo di farlo. Questo lo rende una persona, in qualche modo, inferiore a chi crede? No, assolutamente. Egli ha la stessa dignità di qualunque altra persona e per un credente cattolico questo vuol dire che egli ha la dignità che gli deriva dall’essere figlio di Dio e fratello di Cristo. Non solo, al credente viene anche chiesto di vivere coerentemente con ciò in cui crede e questo non è sempre facile, anzi, ma la consapevolezza del credente e le sue scelte di fede lo costringono a doverci provare. Non è raro incontrare persone atee che si comportano meglio di coloro che si dichiarano credenti, anche se non è mai possibile entrare nel cuore delle persone e quindi giudicare davvero i comportamenti. Di recente, anche giustamente, gli atei e gli agnostici si sono riuniti in associazioni, quello che rilevo però è che spesso e volentieri si pongono “contro”, contro chi ha fede, contro la religione, contro chi crede. Questo è triste perchè credo che non si crei nessun tipo di cultura nell’andare “contro”, ma solo nel confronto. Un’altra cosa che ho rilevato è spesso la presenza di notizie che mettono le religioni in cattiva luce, notizie poco o per nulla approfondite, ma a cui fanno sempre seguito una serie di commenti che variano dall’insulto gratuito alla rabbia. Questo mi lascia decisamente perplesso dal momento che non ho mai trovato una rabbia espressa con tale violenza sui siti religiosi che frequento, mi viene naturale chiedermi perché questa rabbia e da dove essa si generi. Per me la risposta più evidente, anche se mi procura tristezza, è che la mancanza di Cristo genera rabbia e violenza. A onor del vero, qualcuno a cui rivolsi questo interrogativo, ammise che le cose stavano così, ma si giustificò dicendo che si tratta di uno sfogo per le angherie e la mancanza di rispetto che le religioni (a vario titolo e in diverso modo) fanno subire loro. Io risposi che, anche ammesso e non concesso che fosse così (infatti è discutibile e tutto da dimostrare), sono sempre stato convinto che la base dell’essere civile sia il rispetto verso l’altro, sempre e comunque, anche se l’altro non mostra rispetto verso di te. La legge del taglione è passata di moda o dovrebbe esserlo da parecchio tempo e non in virtù di altro che della civiltà. L’insulto è sempre l’espressione di una rabbia repressa e dell’incapacità di un dialogo sereno. La rabbia spesso si genera dalla paura, anzi quasi sempre direi. Ognuno di noi sperimenta le paure della vita ogni giorno, forse, effettivamente, affrontarle da soli può spaventare molto di più.

Matteo 5:43 Voi avete udito che fu detto: “Ama il tuo prossimo e odia il tuo nemico”. Ma io vi dico: amate i vostri nemici, benedite coloro che vi maledicono, fate del bene a quelli che vi odiano, e pregate per quelli che vi maltrattano e che vi perseguitano, affinché siate figli del Padre vostro che è nei cieli; poiché egli fa levare il suo sole sopra i malvagi e sopra i buoni, e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti. Se infatti amate quelli che vi amano, che premio ne avete? Non fanno lo stesso anche i pubblicani? E se salutate soltanto i vostri fratelli, che fate di straordinario? Non fanno anche i pagani altrettanto?

Il crocevia delle molte strade era famoso in tutta la regione perché da lì si potevano raggiungere un po’ tutte le località del regno. Nel crocevia si incrociavano otto sentieri e qualunque si seguisse si sapeva che da lì a poco si sarebbe biforcato e poi biforcato di nuovo e così via, per permettere di andare in qualunque direzione si desiderasse. Era un crocevia importante, ma anche pericoloso, perché se non si conosceva la strada si rischiava facilmente di perdersi e viaggiare di notte, da soli, non sempre era piacevole oppure scoprire di essere ben lontani da dove si voleva arrivare poteva demoralizzare anche gli animi più forti. Seduto, al centro del crocevia stava un vecchio. Era lì da molto, molto tempo, da così tanto tempo che nessuno sapeva ormai da quanto. Non parlava quasi mai, ogni tanto qualcuno si recava da lui e gli lasciava qualcosa da mangiare o da bere. Il vecchio accettava con gratitudine il dono e si limitava a dare qualche consiglio a chi glielo chiedesse. Le sue, rare, parole erano diventate leggendarie, si diceva che sapesse colpire direttamente nei cuori, che leggesse il futuro e che avesse poteri divini. Naturalmente non era vero, si trattava solo di un uomo che aveva deciso di fermarsi per guardare la gente che passava e che aveva imparato dalla vita una saggezza che tutti possedevano, ma che quasi tutti avevano dimenticato.

L’uomo arrivò con passo leggero, camminava guardandosi continuamente intorno, sembrava ammirasse ogni cosa e un sorriso sereno stava sul suo volto. Il vecchio lo fissò con attenzione, non era molto più giovane di lui, anzi potevano quasi essere coetanei, ma aveva una forma invidiabile.

– Scusate se vi disturbo – disse il vecchio timidamente quando l’uomo gli fu vicino – ma mi chiedevo se per caso questo fosse vostro… – e così dicendo gli mostrò il piccolo crocifisso che i bambini avevano trovato in quel crocevia.

– Non mi disturbate, anzi mi fa piacere avere la possibilità di scambiare due parole – poi osservò il crocifisso – ma mi dispiace, non è mio di sicuro

– In che senso?

– Vedete io non credo esista un dio e sicuramente non credo nelle religioni e nei loro simboli

– Non l’avrei mai detto

– E perché mai?

– Perché vi vedo così tranquillo, sereno…

– Perché? Credete si possa essere sereni solo se si crede in Dio?

– No, forse no, ma non vi ponete mai degli interrogativi su chi siete? Su dove andate? Sul senso della vostra esistenza?

L’uomo sorrise: – Forse sì, forse no, ma di sicuro preferisco vivere ogni momento per quello che è

– Capisco, però avete guardato il crocifisso senza riderne

– E perché mai avrei dovuto riderne? Esso è un simbolo importante per molte persone e se anche per me non significa nulla non c’è motivo per cui debba deriderlo, davvero

– Avete ragione e vi dimostrate sensibile e saggio, ma non tutti sono come voi Un po’ di tempo fa è passata di qui un’anziana signora, il suo mestiere aveva a che fare con le stelle, era una scienziata, ma non ricordo di preciso cosa facesse, però alla vista del crocifisso si era quasi agitata e ne rideva

– Che posso dirle… persone tristi ce ne sono ovunque…

– Già… – confermò il vecchio abbassando lo sguardo e riponendo il crocifisso dorato.

L’uomo riprese a guardarsi intorno e poi proseguì per la sua strada, mentre il vecchio lo osservò allontanarsi e poi tornò a fissare il crocevia.

Tag: , , , , , ,

6 Risposte to “E gli atei?”

  1. Anotiozzi Says:

    “la mancanza di Cristo genera rabbia e violenza.”

    “il rispetto verso l’altro, sempre e comunque, anche se l’altro non mostra rispetto verso di te”

    Una palese contraddizione nel giro di poche righe, complimenti!

    Come dire: rispetto l’islam, ma l’islam genera rabbia e violenza.

  2. Davide Galati Says:

    Se le frasi fossero come dici tu avresti forse anche ragione, ma le frasi sono inserite in un contesto che esclude la possibilità di qualunque contraddizione. La prima frase è una mia riflessione/conclusione alla fine di un processo di analisi di una situazione di fatto (la rabbia e la violenza nelle espressioni di molti atei è facilmente documentabile). La seconda è una massima generale che ritengo valida sempre e comunque, per atei e per credenti. Quindi se affermo, che il motivo per cui c’è tanta rabbia e violenza in certe persone è la mancanza di Cristo, secondo me, non vedo proprio dove stia la mancanza di rispetto. Affermare che l’islam genera rabbia e violenza è una falsità, affermare che c’è una parte di islam violento (a mio avviso piccola) è un dato di fatto. Fare delle ipotesi o avere delle opinioni sul perché accade questo non è mancanza di rispetto. Il come esprimi queste opinioni può diventare mancanza di rispetto. E lo stesso credo che valga per qualunque campo e in qualunque situazione.

  3. Delfi Marigo-Spitaleri Says:

    Per me, le religioni sono nate come, just to say, essere la stampella per l’individuo che aveva paura dei lampi, dei tuoni, della neve, degli animali. Quindi credere che qualcuno lassu’ ti protegga e’ una BALLA STRATOSFERICA. Ho 74 anni, vengo da una sanissima famiglia atea, tutti sposati in Comune e sepoltura civile. Ebbene, siamo stati tutti onestissimi, facendo anche lavoro volontario, aiutando molta gente in difficolta’ sia nel cibo che vestiario e questi che ho aiutato mi hanno anche rubato in casa. Ho conosciuto una montagna di cristiani e tra questi un’infinita’ di ladri, puttane, madri che se ne fregavano dei bimbi che facevano guardare dalla madre mentre andavano a fottere con l’amante e tutte con la croce che batteva su petto e soprattutto PETTEGOLI da fare schifo. E tutti le migliaia di PRETI PEDOFILI? Dove vanno dopo morti? Alla destra di Dio? Non fatemi ridere please! Sono sposata da 51 anni e ho un figlio di 49 anni. Mentre tutte le “baciapile ” e ne conosco tante, sono pluridivorziate e pluri amanti hanno avuto e cosi’ il loro cristiani mariti. Fanno letteralmente SCHIFO!

    • Davide Galati Says:

      Grazie del suo commento, mi permetto solo di rilevare però che, e fosse come dice lei, cioè che le religioni sono nate unicamente dal bisogno dell’uomo di spiegare i fenomeni naturali, oggi come oggi sarebbero semplicemente scomparse, invece troviamo moltissimi famosi scienziati credenti (ad esempio Pascal, ma anche Cabibbo, solo per citarne un paio)… segno che il motivo d’essere delle religioni è altro… sul resto che dire, mi sembra che lei dimostri esattamente quanto ho scritto io… ci sono atei migliori di molti credenti (o meglio di molti che si professano credenti) però non posso non notare la facilità con cui giudica e condanna molte persone, personalmente, da cristiano, non mi permetterei mai… infine credo che se li contassimo i preti pedofili accertati non arriveremmo a migliaia…
      Cordialmente

      • delfisoracle Says:

        Egregio Signor Davide Galati,riprendo la sua ultima frase………anche se li contassimo i preti pedofili accertati non arriveremmo a migliaia. Pero’ per essere sincero doveva dire … non arriverebbero ad UN MIGLIAIO, quindi dicendo MIGLIAIA possono anche essere centinaia di migliaia. C’e’ qualche scienziato diciamo il PASCAl e qualcun altro che hanno creduto alla religione, ma ci sono milioni di scienziati che non CREDONO. Quando mori’ mia madre tornando a casa e cadde sul marciapiede per uno “stroke”, era il 1981, venne, chiamato da qualcuno, subito il prete appartenente ad una chiesa che distava da casa mia un 300 metri. Subito mi disse di passare da lui per combinare per il funerale. Dissi che non si doveva disturbare perche’ mia mamma avrebbe avuto il funerale civile. La faccia del prete divenne diabolica e mi disse che io era colpevole di evitare il funerale religioso e quindi mia madre sarebbe andata subito all’INFERNO. Mi avvicinai a 10 cm. da lui, lo guardai e gli dissi che lui , se esisteva l’INFERNO ci sarebbe andato perche’ era risaputo che andava a letto con una donna che abitava nel complesso di case dove vivevo e mia mamma con 4 figli e sempre lavorando in fabbrica per farci studiare perche’ mio padre era stato prigioniero in Germania e quindi molto malato. Quindi dissi al prete che se esisteva DIO, mia madre era gia’ al suo fianco e lui sarebbe stato meglio di tacere perche’ era un porco. E’ scappato via velocissimamente. Mi dispiace dirlo pero’ tutte le persone crudeli, pettegole, e avare che ho conosciuto nei miei 74 anni erano tutte BACIAPILE. Mentre io sono 30 anni che faccio lavoro volontario “vero” proprio ad una ex baciapile che sempre mi dice che lei andava sempre in chiesa e con uno stroke e’ sulla sedia a rotelle e quindi non e’ giusto e lo “stroke” doveva venire a me che sono atea e quindi non valgo nulla, soprattuto e’ gelosa perche’ pur lavorando come una matta dimostro 40 anni e questa donna di 54 ne dimostra 80. Quindi mi dispiace, non faccio mai niente di male, di proibito, cerco di aiutare nelle mie possibilita’ persone che vengono dall’Italia in cerca di lavoro, raccolgo cani e gatti in giro e li sfamo, quindi vivo perfettamente cosi’ da atea. La ringrazio. Delfi Marigo-Spitaleri

        • Davide Galati Says:

          In realtà io rispondevo a lei che aveva scritto “le migliaia”. Riguardo gli scienziati credenti e gli scienziati atei proprio su questo blog trova un elenco da cui si vede che gli scienziati credenti sono moltissimi e sono anche quelli che hanno fatto le scoperte più importanti, Pascal non é uno dei pochi come sembra da ciò che scrive lei, ma uno dei tanti. E questo non si spiega se le religioni fossero nate davvero solo per quello che dice lei. Sul resto io ricordo solo quello che dice Gesù: ” Non chi dice Signore, Signore ma chi fa la volontà del Padre mio entrerà nel regno dei cieli”. L’ho già detto ci sono atei migliori di molti credenti, però nelle sue parole sento un astio verso i credenti che non mi sembra sia comunque una bella cosa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: